Arzignano, quali prospettive per la prossima stagione in serie C? L’attesa è altissima…

Arzignano, quali prospettive per la prossima stagione in serie C? L’attesa è altissima…

di Redazione PadovaSport.TV

Arzignano: quali le prospettive per la prossima stagione di Serie C? Ad Arzignano l’attesa è altissima: la stagione 2019-2020 sarà infatti la prima tra i professionisti della squadra gialloceleste che fino al 2013 giocava in Promozione ed ora, dopo una cavalcata straordinaria, disputerà la prima Serie C della propria storia. La squadra ha terminato al primo posto il girone C di Serie D davanti all’Adriese ed all’Union Feltre e sarebbe errato pensare che la promozione sia frutto del caso. Tracciando un parallelismo con i più blasonati colleghi del Cittadella, i successi dell’Arzignano sono frutto di un’attenta programmazione di cui il direttore sportivo Serafini è il principale artefice. Programmazione che ha visto nella scorsa stagione il proseguimento naturale del percorso cominciato anni fa e che aveva portato finora al terzo posto nel girone C nel 2018. Che prospettive di classifica può avere l’Arzignano nella Serie C che verrà? Dalla prossima stagione si potranno seguire i pronostici di siti specializzati come Sportytrader che seguiranno il campionato di serie C dove militerà la squadra di mister Di Donato. Sarà innanzitutto un dato statistico a far ben sperare i tifosi e che indica che il balzo dalla Serie D al professionismo non è così grande come può sembrare. Delle 20 squadre promosse nelle scorse due annate dalla Serie D solo due sono poi immediatamente retrocesse (Gavorrano nel 2018 e Virtus Verona quest’anno). La Serie C è infatti un campionato molto equilibrato in cui non esistono squadre materasso e in cui una delle variabili maggiori che determinano eventuali retrocessioni sono i fallimenti societari o le irregolarità amministrative, caso che è ben lontano dal verificarsi ad Arzignano.
Ecco poi alcuni dati di natura tecnica: i giallocelesti stanno andando incontro a grandi cambiamenti per adattarsi alla categoria a partire dalla nomina a DG di Togni, esperto dirigente ex Albinoleffe e Rezzato. Molti effettivi, soprattutto giovani, hanno lasciato o lasceranno la squadra, anche per le normative differenti della Serie C in merito allo schieramento di giocatori provenienti dal settore giovanile. Proprio qualche giorno fa la società ha dichiarato che ben 10 calciatori lasceranno la squadra, tra cui spicca il nome del vicecapocannoniere Odogwu. Tuttavia l’ossatura della squadra rimarrà inalterata e non partirà il giocatore che davvero ha fatto la differenza nella scorsa annata, quel Luis Maldonado, ecuadoriano di scuola Chievo, che da centrocampista è riuscito a risultare il miglior marcatore della squadra con 14 reti. Giovane e ancora con grandi margini di miglioramento il play di Pasaje è pronto a guidare l’Arzignano verso una tranquilla salvezza, obiettivo dichiarato della società. Confermato anche il difensore Cristiano Bigolin, pilasto difensivo. E chissà che non si riesca a puntare anche più in alto nella prossima stagione…

Leggi anche> Arzignano, attento all’Arezzo: vuole scipparti l’allenatore Di Donato

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy