Il Campodarsego merita la promozione: lo dicono anche Este e Luparense

La serie D vive un momento molto complicato, la categoria è completamente spaccata sulla ripartenza: da una parte il presidente della LND Cosimo Sibilia che spinge per ripartire il 17 maggio, dall’altra parte molte società (come il Villafranca, di cui vi abbiamo parlato ieri) che vorrebbero chiudere la stagione e ripartire dalla prossima.
Tra i tre club padovani del girone C c’è la volontà di proseguire solamente quando le condizioni saranno ottimali. Il presidente del Campodarsego Daniele Pagin, che pure avrebbe tutto l’interesse di portare a termine la stagione essendo primo in classifica, ai nostri microfoni ha spiegato come il suo club sarebbe disposto anche a “sposare” la linea più drastica: ovvero azzerare tutto e ricominciare daccapo con la stagione 2020/21. Ma come la pensato i tre allenatore delle squadre padovane di serie D?
“Stiamo vivendo una situazione sconvolgente – spiega l’allenatore del Campodarsego Andreucci, intervistato da Il Gazzettino – e tutti vorrebbero tornare alla normalità il prima possibile, anche se non so se ci sarà consentito. Per molti di noi il calcio è una professione e sarei felice di tornare a lavorare con i ragazzi e dare un segnale di ritorno alla vita, ma nella massima sicurezza”. Quindi aggiunge: “È anche possibile che il virus non ci consenta di ripartire e questo potrebbe essere il momento di riscrivere le regole. Molti di noi, ripeto, vivono di calcio e si allenano da professionisti, ma non abbiamo le stesse tutele di quest’ultimi. SI parla di una riforma della Lega Pro con una C d’élite e una sorta di categoria semiprofessionistica che potrebbe dare una mano a giocatori, tecnici e società. La nostra promozione? Abbiamo giocato ventisette partite e non si può dire che non abbiamo fatto niente: non si parli di vittoria del campionato, ma è giusto che alle prime in classifica venga data la possibilità di disputare la categoria superiore”. Così invece Zanini, allenatore dell’Este: “Se si deve rovinare una stagione lo si faccia con questa e non si comprometta anche la prossima perché sarebbe un errore. Promozioni e retrocessioni in caso di stop? Ci sarebbe qualcuno di scontento, però sono stati disputati due terzi di stagione e qualcosa ha detto. Il Campodarsego ha disputato una grande annata e se finisse così lo riterrei primo in classifica con merito. Anche per le retrocessioni il campionato fin qui è stato indicativo”. Queste infine le parole di Centurioni, allenatore della Luparense: “La questione principale è la salute delle persone – puntualizza – dopodiché io preferirei finire la stagione perchè altrimenti sarebbe un’annata gettata al vento nella quale per molti mesi le società hanno fatto grandi sforzi. Dire che si rifà il campionato l’anno prossimo non mi sembra opportuno, sempre che ci sia la possibilità di terminare in condizioni di massima sicurezza. Non esiste una regola sul come procedere a fronte di questa eventualità e non sarebbe facile decidere. A ogni modo ho visto giocare tante volte il Campodarsego, merita di essere in vetta e di vincere questo campionato per prestazioni e rendimento”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy