Ex Padova

Bisoli, il difensivista che non difende: con lui Cosenza più fragile

Bisoli, il difensivista che non difende: con lui Cosenza più fragile - immagine 1

L'ex allenatore biancoscudato ha una media gol subiti più alta del suo predecessore, la strada per la salvezza è complicata

Redazione PadovaSport.TV

A Padova, specie in serie B, gli era stata appiccicata l'etichetta di difensivista. Pierpaolo Bisoli, che non ha mai gradito questa nomea, nella sua avventura al Cosenza sembra aver però perso questa caratteristica, il suo Cosenza fin qui ha subìto più gol di prima. Il Cosenza ha subito 47 gol in 30 partite, la media è di 1,1 reti subiti a gara. Un dato che cresce con l’arrivo di Pierpaolo Bisoli in panchina. I rossoblu con l’arrivo del tecnico emiliano hanno subito dodici reti in 7 gare (1,71 gol a partita). Un dato preoccupante per un tecnico che ha sempre fatto della fase difensiva il suo punto di forza.

Nell'ultima gara, il derby con la Reggina, in panchina è andato però Danilo Chiodi (vista la squalifica di Bisoli), altro ex biancoscudato. In sala stampa Chiodi si è detto amareggiato per il trattamento arbitrale: “Siamo amareggiati per i due rigori – ha detto – . Quello della Reggina ci lascia perplessi, nel finale mi pare ci fosse il tocco su Laura. In B la differenza la fanno le singole situazioni". Il Cosenza attualmente è quart'ultimo in serie B a quota 24, a pari con il Vicenza.