Spadafora: “No ai tifosi negli stadi a gennaio. Palestre e piscine invece…”

di Redazione PadovaSport.TV

Intervenuto ad Agorà su Rai 3, il ministro dello sport Vincenzo Spadafora ha escluso una riapertura degli stadi a gennaio: “Io escludo che a gennaio ci possa essere questa possibilità per gli stadi. Per un motivo semplice: ognuno spera di riprendere, noi come governo dobbiamo avere una scala di priorità. Ed e su quelle priorità che dobbiamo concentrarci. Non è un problema di ventimila spettatori su sessantamila posti all’Olimpico, perché questi numeri significano controlli, trasporti, gestire una macchina che non è prioritaria rispetto alla scuola o il sistema industriale. Il mio desiderio è di rivedere i tifosi allo stadio, ma non credo che accadrà a gennaio”.

Diverso il discorso per quanto riguarda sci e palestre. “Mi auguro che prima del 7 febbraio, quando ci guarderà tutto il mondo con l’inizio dei Mondiali di sci di Cortina, possano riaprire gli impianti e questo potrà essere un segnale importante. Il Cts non ha bocciato le linee guida delle Regioni, ha chiesto delle modifiche”. Sulle chiusure e i loro effetti devastanti, Spadafora chiarisce: “Noi non stiamo abbandonando nessuno, ma la verità è che non siamo usciti dal momento più acuto della crisi. Ancora qualche mese di attesa per uscire dal tunnel. Entro fine gennaio contiamo di riprendere l’attività sportiva e quella sciistica, con le regole del Cts, con cui lavoriamo costantemente. L’obiettivo è fine gennaio per palestre, piscine, centri danza”.

Leggi anche > La mascotte calcistica più antica del mondo è morta

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy