Rugby, Italia-Sudafrica: all’Euganeo va in scena la vendetta degli Springboks

Rugby, Italia-Sudafrica: all’Euganeo va in scena la vendetta degli Springboks

di Redazione PadovaSport.TV

E’ andato in scena oggi sotto il diluvio padovano all’Euganeo la sfida tra Italia e Sudafrica di rugby. Ultimo test match per gli azzurri contro gli Springboks, che volevano la rivincita del clamoroso k.o. del 2016 (e l’hanno trovata). Nei primi 20’ maggior possesso e territorio per gli azzurri, con due calci di Canna. Ma gli Springboks è tremendamente efficace nei nostri 22: mete del flanker Louw, Mbonambi e Venter. Partita finita: 6-35.

In conferenza stampa, allenatore e capitano hanno commentato così:

O’Shea: “Abbiamo avuto anche oggi molte opportunità, ma ovviamente dobbiamo cercare di segnare. Il match di oggi ha visto i ragazzi compiere un grande sforzo, ma il Sudafrica è stato migliore di noi. Nei primi venti minuti, sino al 6-7 per loro, abbiamo fatto il miglior avvio di tutti i Test Match. Cambiare poi, nella ripresa, era difficile. Abbiamo trovato in generale tre o quattro giocatori giovani con potenziale. Sono contento in vista del futuro. Vedo un gruppo che può crescere. A caldo non riesco a spiegare il perchè delle mancate realizzazioni. Certo quando ci si difende è più facile. Gli avanti sudafricani, poi, hanno una taglia enorme e anche lavorare sulla larghezza del campo, più il tempo passava, era difficile. Adesso abbiamo tempo per fare un lavoro di analisi su tutte e tre le partite, ma una cosa è certa in futuro dovremmo essere resilienti: questo sarà l’obiettivo del nostro cammino. Abbiamo rimandato per tanti anni i cambiamenti al sistema che dovevamo fare: gli altri non ci aspettano”.

Parisse: “Nell’uno contro uno non abbiamo vinto tutti gli impatti, ma nel secondo tempo le condizioni di gioco non ci hanno permesso di trovare la larghezza del campo. Siamo stati costretti ad affrontarli sulla densità del campo, laddove sono più forti. Non siamo qui a giustificare i nostri risultati. Giochiamo con le squadre migliori, ma abbiamo fiducia in Conor e nel nostro lavoro. Sappiamo dove vogliamo andare e crediamo nella nostra strada: tireremo le somme dopo la RWC 2019. Vedo comunque profondità e un gruppo che si sta allargando. Stiamo crescendo fisicamente. In ogni partita non dobbiamo rimettere in discussione tutto. È difficile quando perdiamo ogni volta dover giustificare, ma dietro abbiamo una base solida, un bel gruppo e uno staff competente”.

Le dichiarazioni del padovano Bellini alla vigilia.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy