Scudetto ValsuGirls, coach Bezzati: “Gruppo giovane, il futuro è ancora loro”

Scudetto ValsuGirls, coach Bezzati: “Gruppo giovane, il futuro è ancora loro”

Terzo scudetto consecutivo per il Valsugana Rugby femminile, conquistato ieri a Calvisano in finale contro le emiliane del Colorno. Alla guida delle ragazze c’è Nicola Bezzati, 35 anni, ex capitano del Petrarca Rugby dell’ultimo scudetto: può fregiarsi del terzo titolo consecutivo vinto alla guida delle sue ragazze. Non ci era riuscito nessuno negli ultimi 15 anni. Insieme al suo vice Daniele Frasson (altro tecnico esperto del rugby femminile nostrano), ha preparato la trappola perfetta per il Colorno, capace di battere per due volte in stagione le sue campionesse. «È vero – spiega a Il Mattino –  sapevamo che ci avrebbero attaccato senza remore, e abbiamo lavorato bene per giocare secondo un piano di gioco efficace per metterle in crisi», spiega Bezzati, pochi minuti dopo il trionfo. «Dall’inizio alla fine abbiamo tenuto in pugno tatticamente la partita, negli spostamenti al piede, in touche, nei drive e con le multifasi, tutte situazioni da cui sono nati i gialli nei loro confronti. Siamo pienamente soddisfatti del lavoro anche dal punto di vista fisico, non era scontato gestire così la partita sino alla fine. Le abbiamo costrette a fare quei falli in più e vinto nettamente il confronto fisico, sia in attacco sia in difesa». Vi aspettavate una finale dominata in questo modo? «Così nettamente no, ma va dato atto alle ragazze di essere state praticamente perfette. Di sicuro mi porto a casa il ricordo di una bella finale, perché, al di là del punteggio, abbiamo giocato un bel rugby contro avversarie di pari livello, ed è sicuramente un buon segnale per il movimento femminile italiano». Vinto il terzo scudetto, dove possono ancora arrivare queste ragazze? «È un gruppo ancora molto giovane e con qualità pazzesche. Il futuro è ancora loro». E il suo futuro? «Per adesso torniamo al club ad Altichiero a festeggiare», si congeda coach Bezzati. «Devo parlare con la società del futuro, vedremo. Intanto mi godo questa tripla gioia».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy