Calcio a 5, Uefa Futsal Cup: buona la seconda per la Luparense. Zarattini: “Siamo vivi”

Calcio a 5, Uefa Futsal Cup: buona la seconda per la Luparense. Zarattini: “Siamo vivi”

di Redazione PadovaSport.TV

Finisce 0-3 per i Lupi la seconda partita europea. Dopo la debacle contro gli inglesi del Baku, immediato il riscatto per la squadra di mister Musti. Al termine della gara parlano in mixed zone l’allenatore dei Lupi Alessio Musti e il Presidente Zarattini. Musti può tirare un sospiro di sollievo, i suoi Lupi si sono sbloccati. Ecco l’analisi del tecnico biancazzurro. “E’ stata nel complesso una partita ben giocata, il problema era sbloccare il risultato perchè se dobbiamo descriverla nel complesso si è trattato di un nostro monologo per tutti e 40 i minuti.  Abbiamo avuto tante occasioni e non abbiamo mai rischiato nulla. Siamo stati bravi nell’ avere pazienza. Potevamo partire a testa bassa e accanirci, invece prima o poi il gol doveva arrivare ed è arrivato”. Secondo Musti la Luparense poteva segnare già nella prima frazione. “Abbiamo colto un palo, tantissimi tiri in porta. Dovevamo segnare prima. Anche ieri contro il Baku nel primo tempo meritavamo di fare gol, e una rete avrebbe cambiato l’esito del match. Ci manca ancora quell’istinto killer sotto porta. Ma siamo sulla buona strada. Oggi siamo stati bravi a fare gol e a difenderlo. Poteva finire con un risultato più rotondo”. Ora ci si gioca tutto contro l’Ekonomac. “Sabato abbiamo in mente solo di vincere. Niente calcoli, ragionamenti sulla differenza reti. L’Ekonomac giocherà in casa, è una squadra molto fisica che gioca con grande intensità e forza di volontà, e con qualche ottimo giocatore della nazionale serba. La qualità non gli manca. Dovremo stare attenti e studiare una buona strategia per attaccarli” conclude l’allenatore romano. Il presidente del club più titolato d’Italia è soddisfatto. “Avete visto? Siamo ancora vivi. La squadra ha reagito e si è riscattata grazie anche ad un ottimo approccio alla gara. Sono contento di come hanno giocato i ragazzi, hanno dato il massimo, creando almeno venti occasioni da gol, segnato però soltanto 3 volte. Quello è l’unico rammarico” dichiara Stefano Zarattini dopo essere uscito dallo spogliatoio dei Lupi per un discorso alla squadra. Quella di sabato sarà la sfida decisiva. “Il destino è sempre nelle nostre mani, ne ho parlato anche con i giocatori negli spogliatoi. Nulla è perduto: l’importante è che adesso la squadra capisca che serve dare continuità alla prestazione di oggi. I nostri avversari si sono chiusi dietro. Il limite è stato quello di non concretizzare però se abbiamo costruito così tanto, prima o poi i gol arriveranno. Ho vista una bella risposta, e ora sappiamo che a causa della sconfitta di ieri sarà obbligatorio vincere. Ho visto che la squadra c’è. Sabato sarà un’altra partita, e un’altra storia”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy