Tonazzo Padova, la cena di Natale è servita dai campioni

Tonazzo Padova, la cena di Natale è servita dai campioni

Grande festa alla Kioene Arena con 300 persone coinvolte tra atleti e famiglie. La cena di Natale servita dagli atleti della prima squadra. Cremonese: «Occasione per creare gruppo coeso e affiatato»

Commenta per primo!

Cena di Natale Kioene Padova serviti dagli atleti della prima squadra. Insieme alle proprie famiglie, tutti i ragazzi del settore giovanile bianconero sono stati ospiti di una bellissima serata svoltasi nel teatro dei loro  allenamenti e delle loro fatiche quotidiane – la Kioene Arena – trasformato per l’occasione in luogo ideale per una cena con i prodotti a marchio Kioene. In totale l’evento ha coinvolto 300 persone, che sono state servite da “camerieri” d’eccezione, ossia gli atleti della Tonazzo Padova.
«Questa serata ci ha riempito di gioia – ha detto il presidente Fabio Cremonese – perché dimostra che il lavoro della nostra Società non è solo nell’allenamento tecnico, ma ha lo scopo di coinvolgere le famiglie e lo staff per creare un gruppo di lavoro coeso e affiatato».
Anche Alberto Tonazzo, in rappresentanza del Gruppo Tonazzo e del brand Kioene, era presente all’evento. «Siamo felici che i ragazzi abbiano apprezzato i nostri prodotti – ha detto – ed è l’occasione perfetta per trascorrere insieme le festività natalizie».
Prima della foto di gruppo con tutti i protagonisti della serata, il coach Valerio Baldovin – che ricopre anche il ruolo di responsabile tecnico del settore giovanile – ha tracciato un primo bilancio di questa stagione. «Il bilancio è assolutamente positivo – ha spiegato – perché tutte le formazioni si sono tuffate fin da subito nell’attività con dedizione nel loro lavoro, raccogliendo già i primi importanti risultati. L’obiettivo però, soprattutto nel settore giovanile, è rivolto a lungo termine».
Sull’Under 14 fresca vincitrice del titolo di campione del Veneto, Baldovin ha detto: «è un grande risultato che deve creare ulteriore entusiasmo ma non false aspettative, perché a questa età l’obiettivo è quello di progredire gradualmente. E’ un risultato di cui devono andare orgogliosi ma che deve continuare a farli lavorare con grande umiltà perché è solo attraverso quest’alchimia che potranno raggiungere buoni risultati nel loro percorso di crescita».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy