Rugby, Mauro Bergamasco torna in azzurro

Rugby, Mauro Bergamasco torna in azzurro

A tre settimane dal calcio d’inizio di Italia-Irlanda, sono quasi centomila i sostenitori azzurri a essersi già  assicurati un posto allo Stadio Olimpico per assistere ad almeno una delle tre sfide interne della Nazionale

Commenta per primo!

Jacques Brunel, commissario tecnico della Nazionale Italiana Rugby, ha convocato trenta giocatori per il raduno del 25-28 gennaio al Centro di Preparazione Olimpica Giulio Onestì di Roma e per le prime due giornate del 6 Nazioni 2015 che vedranno l’Italia affrontare sabato 7 febbraio allo Stadio Olimpico di Roma l’Irlanda campione in carica e sabato 14 febbraio a Twickenham l’Inghilterra, quarta forza del ranking World Rugby. Per il suo quarto torneo alla guida della Nazionale, quello che porta alla Rugby World Cup di settembre ed ottobre in Inghilterra, il ct azzurro conferma venticinque trentesimi della rosa utilizzata nei test match di novembre. A completare la lista dei convocati due ritorni d’esperienza – il flanker Mauro Bergamasco e l’ala Giovambattista Venditti – e tre esordienti assoluti: il centro delle Zebre Giulio Bisegni, l’ala della franchigia bianconera Michele Visentin ed il ventunenne mediano di mischia Marcello Violi. Nella rosa anche un quarto esordiente, l’utility back della Benetton Treviso Simone Ragusi, convocato già in autunno senza venire però utilizzato in partita. A tre settimane dal calcio d’inizio di Italia-Irlanda, sono quasi centomila i sostenitori azzurri a essersi già assicurati un posto allo Stadio Olimpico per assistere ad almeno una delle tre sfide interne della Nazionale. Dopo il debutto con l’Irlanda e la doppia trasferta d’Oltremanica con Inghilterra (14 febbraio) e Scozia (28 febbraio) gli azzurri torneranno nella Capitale per due volte nell’arco di sei giorni: domenica 15 marzo per il derby latino contro la Francia e sabato 21 marzo per la sfida conclusiva contro i Dragoni gallesi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy