Campodarsego, manca solo il coraggio per uno storico traguardo

Campodarsego, manca solo il coraggio per uno storico traguardo

A un passo dalla storia, anzi no. Non serve nessun passo: i meriti sportivi e un po’ di fortuna hanno creato la giusta congiuntura perchè il Campodarsego sia già nella storia. Ora lì, nel paesiello dell’Alta, possono solo decidere: accettare tanta manna dal cielo o tirarsi, a sorpresa, indietro. Fissare nell’eternità sportiva quest’estate, o farla scivolare via nel dimenticatoio. Il 26 maggio il ds tuttofare Attilio Gementi dichiarava sicuro (leggi qui): “Sì alla Lega Pro, ma senza super-tassa. Se la tolgono noi ci saremo”. Ora l’hanno tolta, e non serve neppure lo stadio nel proprio comune. E adesso? Ora che la Lega di Firenze ha comunicato alla società che basta presentare la documentazione per partecipare alla Lega Pro – senza problematiche di supertassa e di campo – cosa fa il presidente Pagin? Ci racconta che sarebbe bello giocare il campionato di competenza, che l’ambiente vuole fare la Serie D, che ormai si sono organizzati così. No, presidente, non faccia quest’errore. Il suo impegno e la sua passione in quest’avventura, meritano di più. Tra l’altro nel frattempo la società si è strutturata: la trasformazione in società di capitali dapprima, l’arrivo di nuovi sponsor importanti poi. E una campagna acquisti che la dice lunga sulle ambizioni. Insomma, le condizioni esterne (e anche interne) ci sarebbero tutte, oggi più di qualche mese fa. In Lega Pro c’è il Renate, perchè non può esserci il Campodarsego? Presidente, un po’ di coraggio.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy