Padova, obiettivo mercato: unica possibilità per risollevarsi

Il Padova annaspa nei bassifondi della serie B con una media punti vicina a quella dell’ultima retrocessione. Un andamento preoccupante, che non può lasciare indifferenti, per quanto il calendario segni soltanto la tredicesima giornata. Nessuno vuole pensare, nemmeno per un istante, cosa possa significare terminare il campionato tra le ultime quattro. Il cambio di allenatore è stata una scelta saggia, che noi abbiamo appoggiato senza alcun margine di dubbio, ma adesso è arrivato il momento di fare un esamino di coscienza anche da parte di chi ha costruito la squadra. C’è una dato di fatto incontrovertibile: la squadra è stata costruita al massimo del risparmio, lo sappiamo tutti. Nonostante questo l’appoggio dei tifosi e della stampa non è mai venuto meno, mai. La dirigenza gode ancora della fiducia che si è costruita negli anni della rinascita, ed è giusto che sia così. Ma adesso bisogna guardarsi in faccia e prendere atto che i limiti tecnici della rosa non riescono ad essere controbilanciati da altre qualità (gruppo affiatato, sistema di gioco brillante, leadership positive nello spogliatoio) oppure dalle magagne degli altri (anche le dirette concorrenti alla salvezza sembrano meglio attrezzate, a Cosenza sarà un altro test indicativo da questo punto di vista). Sono state fatte scelte molto discutibili, passate in secondo piano dal credito guadagnato da Zamuner e dirigenza di cui sopra. Oggi, dopo tredici giornate, si può dire ad esempio che abbiamo un problema portiere. Era un rischio, ovvero c’era molta incertezza sul rendimento di una coppia di portieri molto giovani, in una categoria a loro sconosciuta e in una piazza decisamente non periferica o senza pressione. Sia Merelli che Perisan, hanno grandi potenzialità, ma avrebbero bisogno di fare esperienza in una categoria più bassa: la differenza tra un portiere navigato sta tutta nel non esaltarsi troppo nei momenti positivi, e al contrario non deprimersi con le difficoltà, di rimanere concentrati per tutti i 90 minuti e non alternare parate mostruose a papere da mani nei capelli. Certo, può andare bene di pescare un giovane senza esperienza che faccia una stagione al top (il Venezia con Audero), ma c’è comunque una forte componente di imponderabilità. E noi oggi la stiamo pagando. Sull’onda dell’entusiasmo in estate sono stati confermati giocatori che, spiace dirlo, non riescono ad avere un rendimento accettabile per la categoria: oltre a Guidone, penso a Belingheri o Salviato. Anche Contessa sta dimostrando di “sentire” in senso negativo il salto di categoria, ma al suo fianco non ci sono alternative. Il regista richiesto da Bisoli, inoltre, è ancora un oggetto misterioso (Della Rocca), e Pinzi (che comunque ha 37 anni) è stato accantonato fin da subito. I giovani di talento in prestito non stanno poi rendendo con continuità, forse anche per colpa dell’andamento generale della squadra: da Clemenza e Bonazzoli ci si aspetta decisamente di più. Forse la difesa è il reparto che, esclusa qualche sbavatura qua e là, sta dimostrando di valere la serie B. Gli altri giocatori che completano la rosa sono giovani o comunque non sono individualità tali da spostare gli equilibri (Serena, Mazzocco, Cisco, Marcandella). Mai come quest’anno il mercato di gennaio sarà fondamentale per rinforzare la squadra: credo che solo a questo adesso possiamo appigliarci per sperare di svoltare. Mi aspetto anche che la figura (fin qui) sbiadita di Oughourlian cominci ad assumere contorni più netti, visto che sulla campagna acquisti estiva non si è avvertita per niente la sua presenza. A meno che il finanziere franco-armeno non abbia interessi prevalentemente sul nuovo stadio, che però è bene sottolineare, perdendo la categoria suonerebbe come uno sberleffo (oltre che rappresentare un asset meno profittevole).

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. francesco giglio - 3 settimane fa

    In questa squadra servono cinque elementi navigati di serie B se si vuole venir fuori da questa situazione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy