Serie C, comincia la solita calda estate: può essere una “strage” da qui al 30 giugno

PRO PIACENZA     GIANA ( FOTO CAVALLI )

In attesa di capire come cambierà il vento con la riforma Fabbricini e l’introduzione delle Seconde Squadre (dalla prossima stagione potrebbero essercene da una a cinque, per una sorta di primo rodaggio, mentre dalla 2019/20 si comincerà a entrare a pieno regime), ci avviciniamo alla solita calda estate della serie C. Tante squadre rischiano di non iscriversi al prossimo campionato, per diversi motivi. Qui sopra, nella fotogallery, indichiamo cinque squadre a rischio: Reggiana, Pro Piacenza, Trapani, Juve Stabia, Mestre. In tutti i casi si tratta di squadre “abbandonate” (almeno a parole) dai propri presidenti, tutti in cerca di nuovi acquirenti e tutti che hanno minacciato di non iscrivere la squadra. La situazione più difficile sembra essere quella di Juve Stabia (un milione e mezzo di debiti) e Pro Piacenza (non risultano debiti, ma non sembra esserci nessuno pronto a subentrare, vista anche la presenza del più blasonato Piacenza nel girone). Da Vicenza si parla di una certa preoccupazione per il ritardo del rogito che dovrebbe sancire il “travaso” del Bassano nel nuovo club biancorosso di proprietà di Renzo Rosso. Staremo a vedere. Ecco intanto le prossime scadenze: entro oggi vanno presentati i documenti con gli adempimenti ai criteri infrastrutturali (indicando l’impianto di gioco che si vuole utilizzare). Entro martedì 26 altra data da segnare con il rosso, ci sono da saldare infatti giocatori e dipendenti (compreso il mese di maggio).

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy