Domenica di conferme per le padovane

Domenica di conferme per le padovane

Il Thermal difende il primato contro la Fortis Juventus, sfida tra pericolanti tra San Paolo e Tamai, Este nella tana del Monfalcone.

Commenta per primo!

Giornata di conferme per le nostre squadre, la settima di andata della serie D. Per un motivo o l’altro, tutte le componenti del terzetto padovano di quinta serie cercheranno nei prossimi 90’ un risultato positivo che confermi e magari migliori quanto mostrato finora.

Un esame di maturità importante ce l’avrà la rappresentativa che milita nel gruppo D, ovvero la Thermal Abano che da neocapolista affronta sul neutro di Este (per l’agibilità dello stadio di Monteortone ci vorranno ancora alcune settimane, nda) la Fortis Juventus (arbitro Mansi di Nocera Inferiore).

Dopo l’impresa in casa della corazzata Massese, i termali devono dimostrare di non essere solo un fuoco fatuo, bensì di meritarsi l’inaspettato primato in solitaria. Di fronte troveranno però una squadra robusta, che pur avendo 5 punti in meno dei rossoverdi, finora ha perso una sola volta e soprattutto in trasferta si esprime al meglio delle proprie potenzialità.

Al trio delle meraviglie Cacurio-Rocco-Volpato spetterà quindi ancora una volta il compito di prolungare il sogno dell’undici guidato in panca da Vinicio Bisioli.

Obiettivo riscatto invece per il San Paolo Padova, che attende un altro team in difficoltà, il Tamai (arbitro Santorelli di Salerno). I patavini vengono dal rotondo 0-4 incassato nella tana del lanciatissimo Pordenone, preceduta 15 giorni prima dalla “manita” rimediata in casa dell’altra big Marano. In mezzo, il successo in rimonta col Vittorio proprio al “Plebiscito”, stadio dal quale i gialloblù vorrebbero trarre più punti possibili.

«La sconfitta di Pordenone è stata diversa da quella di Marano – commenta mister Saviolo, cui domani mancheranno Gomiero per squalifica, oltre a Ursella, Minto, Vianello, Righetto e Pittarello – Abbiamo tenuto meglio il campo e siamo stati condizionati dall’inferiorità numerica. Domani cercheremo il riscatto ma il Tamai (1 punto nelle ultime 4 gare e mai vittorioso in trasferta, nda) è una formazione di tutto rispetto con giocatori di qualità come l’ex Novara Motta, Conte e Furlan. Per vincere dovremo riuscire a non farci schiacciare dalla loro intensità».

Va alla ricerca di un bis esterno che sarebbe preziosissimo in ottica classifica l’Este, che dopo il blitz a Pergine Valsugana, affronta la seconda trasferta consecutiva in casa del Monfalcone (arbitro Giudici di Legnano).

 biancoazzurri friulani, pur potendo contare in rosa su elementi di valore ed esperienza quali Carli, Lestani, Acampora e Araboni, hanno finora pagato lo scotto dell’esordio in categoria e hanno racimolato solo due pareggi, uscendo sconfitti anche da gare nelle quali non avrebbero demeritato, vedi il derby di sette giorni fa a Trieste.

Per gli atestini, dunque, un cliente ostico e determinato ad ottenere il primo successo tra le mura amiche, ma la consapevolezza anche che in trasferta finora l’undici giallorosso ha mostrato le cose migliori. Un risultato positivo in Friuli, tra l’altro, farebbe compiere ai ragazzi di Zattarin (al rientro dalla squalifica) un passo avanti importante verso quelle prime posizioni che già dopo poche giornate di campionato rischiano di allontanarsi troppo.

Queste le altre gare del girone C: Ripa Fenadora-Giorgione (oggi), Sanvitese-Trissino, Montebelluna-Fersina, Dro-Triestina, Sacilese-Belluno, Mezzocorona-Pordenone, Marano-Vittorio. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy