Gironi Lega Pro, le reazioni delle venete. Bergamin e Perinetti la prendono con filosofia, Seeber un po’ meno

Gironi Lega Pro, le reazioni delle venete. Bergamin e Perinetti la prendono con filosofia, Seeber un po’ meno

Compilati i gironi, in Lega Pro è il momento dei commenti. Balza all’occhio in particolare il raggruppamento B per la presenza contemporanea di Parma e Venezia, due società mediaticamente “pesanti” e con grandi disponibilità economiche. Ma a ben vedere, la divisione delle cosiddette big appare piuttosto equa: Cremonese e Alessandria (a oggi pari o forse addirittura superiori come organico a Parma e Venezia, ma meno chiacchierate), si ritrovano nel girone A. Diversa la situazione del girone meridionale dove c’è più equilibrio e il tasso tecnico è meglio distribuito tra le 20 partecipanti (Catania, Lecce e  Foggia al momento rappresentano la prima fascia). Tra i club veneti, il meno contento è il Bassano. Il ds giallorosso Werner Seeber ha parlato di “mancanza di equilibrio, con il girone B nettamente superiore come difficoltà rispetto agli altri”, a Venezia invece il ds Giorgio Perinetti ha accettato serenamente il verdetto dell’urna, rimarcando però le noie logistiche: “Ci aspettano trasferte lunghissime – ha detto – questo certo non ci facilita”. L’ha presa con filosofia anche il presidente biancoscudato Giuseppe Bergamin, che liquida la questione con una battuta: “Tutto come previsto, anche se mi aspettavo la Giana al posto del Parma”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy