L’Este ritrova la vetta, il San Paolo si conferma al quinto posto

L’Este ritrova la vetta, il San Paolo si conferma al quinto posto

I giallorossi si impongono per 2-1 sulla Pavullese, i gialloblù 3-1 sul Villafranca nel quinto turno di ritorno.

Commenta per primo!

ESTE-VIRTUS PAVULLESE 2-1

ESTE: Bagherini, Barison, Boron, Lelj, Colman Castro, Aliberti, Michelotto, Rubbo, Sottovia (1’ st Carani), Rondon (37’ st Da Dalt), Moresco. A disp: Fantin, Salvato, Meneghello, Mario, Gusella. Allenatore: Zattarin.

VIRTUS PAVULLESE: Tagliavini, Baldaccini, Vernia, Mauriello, Lugli (20’ st Montanari), Bulgarelli, Bellucci, Agrillo, Ierardi, Zocchi, Lusoli (20’ st Marchetti). A disp: Iori, Facchini, Rosi, Sirayeddine, Amari. Allenatore: Pivetti.

ARBITRO: Cocciolo di Roma (Cignacco-Colledati).

MARCATORI: 32’ pt Sottovia (E), 20’ st rig. Lelj (E), 30’ st rig. Zocchi (V).

NOTE: ammoniti Barison (E), Bellucci (V). Spettatori 150.

L’Este torna alla vittoria dopo cinque turni di astinenza e, in virtù dei risultati delle dirette avversarie, si riappropria della vetta della classifica che aveva perso per la prima volta mercoledì scorso, in occasione del turno infrasettimanale. L’undici di Zattarin ritrova quindi i 3 punti ma non ancora la brillantezza atletica e tattica cui aveva abituato i proprio sostenitori nei mesi scorsi.

In soccorso degli atestini arriva ora la sosta di campionato, durante la quale bisognerà anche valutare le condizioni fisiche di Sottovia, trasportato in ospedale al termine del primo tempo, per una sospetta frattura alla costola.

In cronaca, il primo brivido non dovuto al freddo lo procura al 12’ Moresco, la cui girata in area su assist di Michelotto termina oltre la traversa. La Pavullese si fa vedere al 19’ con un tiro da fuori area senza pretese di Vernia ma al 32’ i padroni di casa capitalizzano la fino al quel momento sterile supremazia nel possesso palla, con Rondon che imbecca Sottovia, il quale si gira in area e fulmina Tagliavini per l’1-0.

Lo stesso numero 9 giallorosso avrebbe l’opportunità per raddoppiare 4’ dopo ma, a due passi dal portiere, non riesce a dare forza alla palla.

La ripresa si apre con la botta al volo al 18’ di Colman sugli sviluppi di un corner, ma la palla termina di poco oltre la traversa. Passano due giri di lancette e i padovani raddoppiano: Boron penetra in area sul lato corto di sinistra con un dribbling alla Alberto Tomba e viene steso da Vernia. L’arbitro non può fare altro che decretare un rigore che Lelj trasforma con un rasoterra a fil di palo.

Passano 10’ e la Pavullese accorcia le distanze nello stesso modo: stavolta è Barison ad atterrare Ierardi, con Zocchi a realizzare il penalty. Nel finale, i padroni di casa avrebbero l’occasione per riportarsi avanti di due lunghezze ma, in pieno recupero, Moresco da fuori area coglie in pieno l’incrocio dei pali con un tiro a giro a portiere immobile.

Ritorna al successo, pur con meno patemi, anche l’altra padovana del girone D, ovvero il San Paolo, che infligge un rotondo 3-1 al Villafranca. La squadra di Fonti, che consolida il suo quinto posto in classifica, può rallegrarsi anche per essere riuscita a mandare a bersaglio tutti gli elementi del suo tridente offensivo.

I gol gialloblù portano infatti la firma di Volpato al 32’ su assit di Mazzeo, dello stesso Mazzeo con una splendida punizione a giro al 44’ e di Lucchini all’8’ della ripresa, su corner calciato ancora da Mazzeo.

Il punto della bandiera veronese è invece opera di Catania, che al 77’ approfitta di una difettosa uscita aerea di Cucinato.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy