“Se andiamo in finale, vado a Berlino a piedi”, la scommessa di un chioggiotto diventa realtà 

“Se andiamo in finale, vado a Berlino a piedi”, la scommessa di un chioggiotto diventa realtà 

A piedi da Torino a Berlino per assistere alla finalissima di Champions League fra Juventus e Barcellona. La scommessa del giovane chioggiotto, Nicolò De Marchi, studente di 22 anni, lanciata sul web, è diventata realtà. Ieri, a mezzogiorno, il tifoso juventino è partito dallo Juventus Stadium, alla volta dell’Olympiastadion di Berlino, supportato dal team bianconero. La società, per agevolarlo, gli ha fornito una bicicletta e ha pianificato con lui il viaggio, che si snoderà in otto tappe attraversando le Alpi, la Svizzera, il Liechtenstein e la Germania. In totale dovrà percorrere più di 1.100 chilometri e sarà aiutato dal fatto di poter viaggiare 20 chilometri con la jeep per ogni suo anno di “juventinità”, per un totale, quindi, di 440 chilometri. Il suo arrivo a Berlino è previsto per il 4 giugno. A Chioggia, ieri, non si parlava d’altro e la notizia della sua partenza, nata da una scommessa apparentemente irrealizzabile, ma che ha iniziato a trasformarsi in realtà, è salita agli onori della cronaca sportiva nazionale. In men che non si dica la sua goliardata, dopo essere stata ripresa dai principali media italiani, ha innescato un lungo dibattito anche sui social network, tra incoraggiamenti, commenti sarcastici e tra molti che manifestavano un pizzico d’invidia. Tutto è iniziato alla vigilia della partita di andata Juventus-Real Madrid del 5 maggio, quando i bianconeri, vincendo 2-1 contro i galácticos, hanno compiuto il primo passo verso la finale. La Juventus aveva lanciato, su Twitter, l’hashtag #SeAndiamoInFinale. Tantissime, ovviamente, le risposte dei tifosi, che avevano scommesso qualcosa, qualora la loro squadra del cuore fosse approdata alla finalissima. Quasi tutte le scommesse consistevano in qualche azione non comune ma, comunque, pienamente realizzabili. Alcuni avevano scommesso, ad esempio, di tagliarsi barba e capelli, altri di indossare ogni giorno la maglia bianconera sino al 6 giugno. Ma, tra tutte, il team bianconero ha scovato la promessa più goliardica, di quelle fatte senza pensarci troppo, ma che risultava, all’atto pratico, quasi irrealizzabile. «Se andiamo in finale vado a Berlino a piedi», aveva twittato De Marchi. Evidentemente non ci credeva nemmeno lui, ma la sua scommessa si è fatta largo tra le altre ed è stata notata dalla società torinese. Così, quando la Signora ha staccato il pass definitivo per la finalissima, il team bianconero ha deciso di onorare l’ardore sportivo del giovane tifoso, dandogli la possibilità di poter compiere la sua “impresa”, omaggiandolo di un biglietto per la partita se riuscirà a mantenere la sua scommessa. Così, ieri, il sogno del giovane tifoso ha iniziato a concretizzarsi. Dopo l’impresa, potrà coronare il suo sogno, magari sperando di tornare trionfante in Italia, ma, stavolta, viaggiando più comodamente e, perché no, seduto accanto ai suoi campioni.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy