Tonazzo, Schiavon lascia. Ecco Baldovin

Tonazzo, Schiavon lascia. Ecco Baldovin

Luigi Schiavon non è più l’allenatore della Tonazzo Padova.  Per la stagione 2013/14 il nuovo coach sarà Valerio Baldovin. Avvicendamento in casa bianconera, con Schiavon che lascia il posto all’attuale allenatore dell’Under 19. «Se dovessi dare un voto da insegnante – spiega Luigi Schiavon – la stagione 2012/13 è stata complessivamente buona. Con un gruppo tutto nuovo abbiamo cercato di trovare quell’efficienza di squadra necessaria per disputare al meglio i play off e merito va dato sia alla Società che ha avuto fiducia nell’attendere questi progressi, sia al pubblico che ci ha trascinato col suo entusiasmo nella parte finale della stagione. Nei giorni scorsi ho parlato con la dirigenza in merito al progetto che ha in mente la Pallavolo Padova e penso che quella di Baldovin sia una scelta che fa parte di un percorso logico. Con Valerio ho lavorato insieme a Schio, al Club Italia e nella Nazionale Juniores, per cui posso dire che lo stimo molto sia come persona che come tecnico. A lui faccio il mio personale in bocca al lupo». La Pallavolo Padova ringrazia Luigi Schiavon per la consueta professionalità e per l’eccellente impegno dimostrato in questa sua ottava stagione da coach bianconero. 

«Nell’ottica di legare sempre più l’operato del settore giovanile con obiettivi rivolti alla prima squadra – dice il direttore sportivo Stefano Santuz – sarà nostra intenzione integrare la rosa della prossima stagione con ragazzi dell’attuale gruppo Under 19. Per dare continuità a quanto compiuto in questi mesi, abbiamo deciso di affidare l’incarico a Valerio Baldovin che ha svolto un ottimo lavoro sia come allenatore, sia come responsabile tecnico del settore giovanile. Il nostro vuole essere un segnale forte, teso a far comprendere che guardiamo al futuro e che vogliamo dare l’opportunità di puntare in alto a tutti coloro che fanno parte di questa Società, premiando i meriti acquisiti sul campo. A Luigi Schiavon rinnovo il nostro più sentito ringraziamento per il lavoro svolto a Padova».

Nato il 25 luglio 1966 a Belluno, si diploma con 110 e lode all’ISEF di Bologna, nella sezione distaccata di Padova. La carriera da allenatore di Valerio Baldovin inizia nel 1994 nel settore giovanile di Schio (Vicenza). Dopo aver allenato anche a Zanè (VI) e Montecchio (VI), nel 2002 fa il suo esordio in A2 come secondo e poi come primo allenatore fino al 2005. La stagione successiva, Schio riparte dalla B2 e Baldovin è ancora alla guida della prima squadra. Nel 2006/07 ricopre il ruolo di 2° allenatore della Nazionale Pre Juniores maschile, divenendone il primo allenatore nel 2010/11. Nel frattempo, nel 2007/08, arriva a Padova per seguire da 1° allenatore l’Under 18 del Sempre Volley. Inoltre dal 2008 al 2010 riceve l’incarico di secondo allenatore nel Club Italia maschile. Dal 2011 ad oggi, Baldovin diventa un punto di riferimento del settore giovanile della Pallavolo Padova, ricoprendo il ruolo di allenatore ma anche di responsabile tecnico del settore giovanile. Nel 2012/13 Baldovin ha portato l’Under 19 della Pallavolo Padova alla conquista del titolo regionale e al piazzamento al 7° posto nelle Finali Nazionali di categoria. Non solo, con la serie C ha sfiorato la promozione in B2, mancando la decisiva vittoria in Gara3 di finale contro la Fresko Est Volley di Colognola ai Colli (VR). Quella di Baldovin è quindi una carriera costruita sul lavoro con i giovani e con l’esperienza necessaria per tornare ad affrontare la stimolante avventura del campionato di serie A2.

«Sono orgoglioso e lusingato dell’incarico che mi è stato affidato», queste le prima parole di Valerio Baldovin. «Cercherò di rispondere al meglio a questa chiamata portando la mia professionalità – continua – e svolgendo il lavoro nel modo più accurato possibile. Riconosco il grande merito a questa Società, che vuole dare continuità ai suoi progetti e un’opportunità di crescita agli atleti del settore giovanile. In merito a Luigi Schiavon, lo ringrazio per le sue bellissime parole. Lui è un amico prima ancora che un collega. Il nostro rapporto di collaborazione iniziò ancora ai tempi dell’ISEF, quando lui era insegnante e io studente. Nel 2003/04 fui suo vice a Schio in A2 e quell’anno fu fondamentale per il mio curriculum, perché da lui ho imparato moltissimo».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy