Foggia, notte di follia: bombe carta e auto incendiate. Vertice in società sul futuro del club

Foggia, notte di follia: bombe carta e auto incendiate. Vertice in società sul futuro del club

di Redazione PadovaSport.TV

Una notte d’inferno a Foggia. D’altronde che ci fosse agitazione e il timore che qualcosa potesse accadere lo si era capito ieri sera quando polizia e carabinieri hanno deciso di pattugliare lo stadio in attesa dell’arrivo della squadra, reduce dalla sconfitta di Lecce. Come detto, la nottata è stata tesa: una bomba carta è stata fatta esplodere nei pressi della struttura del pastificio Tamma, di proprietà dei fratelli Sannella, i patron del Foggia Calcio. Sempre in nottata, per cause ancora da accertare, ha subito un incendio l’autovettura del calciatore Pietro Iemmello. Non si esclude la natura dolosa. Sui fatti sono in corso indagini. Per finire, un’altra bomba carta è esplosa nel giardino dell’abitazione del centrocampista Busellato. Il Foggia staziona nei bassifondi della classifica di serie B dall’inizio del campionato, anche a causa di una penalizzazione di 6 punti per illeciti amministrativi. In mattinata riunione tra i proprietari, i fratelli Sannella il presidente del Foggia calcio Lucio Sores e il Ds Luca Nember per decidere sul futuro della squadra rossonera.

Leggi anche > Tommasi (AIC):”Il Foggia rischia una nuova penalizzazione”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy