Modena, nuovo colpo di scena: si ritira l’Azionariato Popolare

Modena, nuovo colpo di scena: si ritira l’Azionariato Popolare

di Redazione PadovaSport.TV

È finita in un batter d’occhio l’ambizioso tentativo dell’Azionariato Popolare di prendere il Modena. Ieri, infatti, Andrea Gigliotti non ha perfezionato il rogito delle quote previsto dal contratto preliminare stipulato con Taddeo. E la storia, affascinante ma anche pericolosa per tutti i soci di Coop Modena Sport che sarebbero stati ad alto rischio in caso di fallimento del Modena, finisce qui e con poca gloria visto che ieri, molti soci dell’Azionariato hanno abbandonato lo stesso Gigliotti. Ma non è ancora finita per il Modena perchè da ormai alcuni giorni, l’avvocato Antonio Tazzioli sta portando avanti un progetto contro il tempo per evitare la radiazione del club al fine di terminare la stagione sportiva, salvare settore giovanile e dipendenti e, anche di fronte a una retrocessione che in questo momento appare l’unico destino per la squadra, poter concorrere a un ripescaggio in Serie C. La soluzione del fallimento pilotato proposta da Tazzioli al Comune e al commissario Trenti richiede, però, che si formi una nuova realtà in grado di entrare nella gestione, da sostenere assieme al Tribunale, nell’esercizio preventivo. Carmelo Salerno ha dato la propria disponibilità ad appoggiare Antonio Tazzioli, con la benedizione sia del Comune che del commissario Trenti, e ieri mattina sono iniziati i contatti tra Tazzioli e Aldo Taddeo che hanno portato all’incontro avvenuto nel comune di Varese dove ha sede l’azienda dell’attuale proprietario del Modena. Un summit iniziato verso le 18 e che si è prolungato fino alle 20,30. Taddeo ha dato la massima disponibilità a favorire la realizzazione del progetto e questa mattina potrebbe verificarsi una svolta positiva e improvvisa proprio alla vigilia del fischio finale della storia del Modena Calcio. Ma ci sarà da mettere in campo una squadra a Santarcangelo domani. La soluzione potrebbe essere la Berretti e la Lega, di fronte alla possibilità di un cambio di gestione nel Modena, sarebbe disposta a tollerare la situazione d’emergenza. Ma oggi potrebbe tocare a Salerno. I gialli, che lo avevano invocato come proprietario, come si comporteranno? (Da La Gazzetta di Modena)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy