Tribuna Fattori: la società  faccia chiarezza sui ritardi nei pagamenti

Tribuna Fattori: la società  faccia chiarezza sui ritardi nei pagamenti

Commenta per primo!

Di seguito, dal sito della Tribuna Fattori, riportiamo il post titolato (ironicamente) “Europa, stiamo arrivando”. Gli ultras chiedono alla società maggiore professionalità e trasparenza, soprattutto in merito al ritardo dei pagamenti di alcuni fornitori.

Dall’ultima partita vinta con lo Spezia, il nostro amato Padova si trova in saccoccia una sconfitta e tre pareggi, media 0,75 punti a partita! Sempre meglio di una vittoria e tre sconfitte, vero Valentini? Per noi poco cambia, la matematica non è un’opinione, in classifica eravamo penultimi e penultimi rimaniamo, aspettando il verdetto della partita con il Carpi. Anche se, a nostro avviso, il risultato di una qualsiasi partita non giocata non può essere deciso dai regolamenti e giudici vari… se arrivassero i tre punti, saremo felici per disperazione, non certo per orgoglio!

Sabato scorso, a dimostrazione del fatto che le dichiarazioni di Andrea Valentini del dopo Bari erano fantasiose, abbiamo sostenuto la squadra per novanta minuti. I ragazzi hanno dimostrato impegno e rispetto, cioè quello che chiediamo sempre, e a fine partita, nonostante il penultimo posto e l’ennesimo pareggio, abbiamo applaudito, senza insultare. Proprio come abbiamo fatto a Bari.

Ieri, per bocca della società, dopo le solite dichiarazioni di rito (bicchiere mezzo pieno, i torti arbitrali, il sindaco eversivo, i tifosi ingrati, gli infortuni, la mala sorte, i giocatori da crocifiggere, l’allenatore esonerato e chi più ne ha più ne metta…) scopriamo che l’obiettivo è arrivare indenni fino al 29 dicembre per riordinare le idee! Strano, perché ci aspettavamo di più: una strategia, una progetto di lungo respiro. Evidentemente chi tira le fila naviga a vista e pensa che i tifosi Biancoscudati siano poco più che dei trogloditi, a cui è chiesta solo la speranza. Da chi non ama fare scommesse, da chi si ritiene “un professionista serio”, da chi doveva investire nel settore giovanile, senza ridurre il budget, da chi doveva “DARE UN’ANIMA” a questa società ci aspettavamo di più.

Purtroppo il puzzle si sta delineando: fra iI Criscitiello di turno, che si scopre anche professore e gioca con le speranze altrui, fra menzogne di ogni genere, finti malesseri, goffe risate, voci di piani di rientro e proposte di dilazioni di pagamenti, proclami filosofici sul calcio moderno o su infrastrutture e campi da semina, lezioni bocconiane su società statiche e in movimento, si scopre che parte degli stipendi non sono ancora stati pagati da giugno. Visto che Andrea Valentini ha ricevuto i complimenti per lo stato del manto erboso dello stadio Euganeo, chiediamo al massimo dirigente di pagare le varie cooperative, manutentori e gli operai che si occupano delle infrastrutture e del manto erboso dello stadio. A noi risulta che, in triste compagnia, aspettino da giugno di essere liquidati.

Non è nostro interesse fare i conti in tasca a nessuno, quanto, in nome della tanto decanta professionalità e trasparenza, avere la certezza che la società deve avere più rispetto a questa città. Valentini &co. Considerino questa nostra richiesta come un “aiuto creativo”, volto a ristabilire un clima più sereno, per quanto possibile. Ecco perché ribadiamo quanto sempre sostenuto: fino a che non vedremo da parte della dirigenza chiarezza e rispetto per TUTTO l’ambiente BIANCOSCUDATO, non cambieremo né idea né atteggiamento, fedeli al motto, mai così azzeccato, proferito dall’addetto stampa occulto del nuovo corso societario: A PENSAR MALE SI FA PECCATO, MA MOLTE VOLTE CI SI AZZECCA!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy