Mister Zhu sbrocca: “A Pavia vogliono sfruttare i cinesi”. E la squadra adesso potrebbe non iscriversi in Lega Pro

Mister Zhu sbrocca: “A Pavia vogliono sfruttare i cinesi”. E la squadra adesso potrebbe non iscriversi in Lega Pro

Mister Zhu rompe gli indugi e posta un video da Shanghai sulla pagina Facebook del Pavia calcio per parlare di questi suoi due anni alla guida del club azzurro. Quattro minuti per attaccare i dirigenti azzurri, e forse non solo loro. Il discorso parte dai soldi spesi: «In due anni – dice – ho investito 10 milioni di euro. Ho pagato i giocatori, i dipendenti, le tasse, i lavori dello stadio e le spese di gestione.Si tratta i soldi spesi in Italia e dei quali vi è stato ritorno di poche centinaia di migliaia di euro dai biglietti venduti e dalla partecipazione degli sponsor».
Detto dei soldi, il presidente punta il dito contro chi quei soldi li ha gestiti e contro chi li ha ricevuti. «Vengo in Italia solo poche volte l’anno – dice Zhu – e in mia assenza il club è sempre stato gestito al 99 per cento da italiani. Ci siamo fidati, ma a un certo punto ci siamo resi conto che c’erano dei problemi. Abbiamo persino acquistato giocatori dei quali non avevamo bisogno, una cosa che non ho capito subito. Molti hanno anteposto i propri interessi personali al bene della squadra. Alcuni italiani hanno pensato di potersi arricchire sfruttando i cinesi senza invece penare di lavorare per far crescer il calcio italiano».
Zhu parla pure del futuro, anche se non dice esattamente cosa farà. Il rischio è che la società non si iscriva al prossimo campionato di Lega Pro o che lo faccia pagando i debiti, ma solo per tenere in vita un club da vendere al più presto. «In questo momento il Pavia calcio ha molti problemi, ma non abbiamo paura e non ci spaventiamo. Affronteremo la situazione cercando di risolvere tutto nel migliore dei modi». (Da “La Provincia Pavese”)

Quando Zhu prometteva la serie A, guarda il video:

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy