Appiani, il tifo padovano si riunisce: sabato mattina corteo in città . E la Tribuna Fattori chiede la Primavera in campo

Appiani, il tifo padovano si riunisce: sabato mattina corteo in città . E la Tribuna Fattori chiede la Primavera in campo

Erano almeno quattrocento i tifosi biancoscudati che questa sera si sono radunati allo Stadio Appiani in occasione dell’assemblea organizzata dalla Tribuna Fattori per protestare contro l’attuale dirigenza del Calcio Padova. Nel corso dell’incontro, hanno preso la parola Andrea Danieletto, capo ultras della Tribuna Fattori, Michele Toniato, consigliere comunale, e Giorgio Ferretti, presidente AICB. Ecco le loro dichiarazioni:

Andrea Danieletto, Tribuna Fattori: innanzitutto desidero complimentarmi con voi per la numerosa affluenza di questa sera e con i tifosi che hanno ieri seguito la squadra a Terni sotto pioggia e grandine. Sappiate poi, che, siccome questo impianto è in concessione al Calcio Padova, abbiamo dovuto chiedere il permesso alla società per poter organizzare l’incontro di questa sera, su queste tribune. La loro risposta? No. Sarebbe stata un’ottima occasione per dire che non hanno nulla da nascondere, ma ormai è andata così. Fortunatamente il consigliere comunale Michele Toniato e l’assessore allo sport Umberto Zampieri si sono adoperati per far sì che questo evento potesse svolgersi. Come se non bastasse, questo pomeriggio, alle ore 18.00, il Dottor Andrea Valentini ci ha scritto una lettera comunicandoci che ci saremmo dovuti accollare tutte le spese di questa serata, bolletta della luce e costi della pulizia comprese. E’ dunque il momento di stringerci, tutti uniti, perché questa società non la vogliamo più! Per questo motivo, sabato mattina è stata organizzata, d’accordo con la Questura, una manifestazione di protesta contro gli attuali dirigenti del Calcio Padova. Sarà un corteo pacifico, che seguirà un percorso concordato con la Questura. Si partirà alle ore 11 da Piazzale Boschetti e poi, passando per corso del Popolo e per gli Eremitani, arriveremo in Piazza Garibaldi. Una volta arrivati in Piazza Cavour ci sarà poi un minuto di silenzio in onore delle vittime del Calcio Padova (ossia noi tifosi) ed infine ci posizioneremo di fronte al Comune, dove chiediamo la presenza di tutti i candidati sindaco, così da poter permettere ad una delegazione di tifosi di confrontarsi con loro in merito al futuro del Calcio Padova per stilare un programma condiviso e controfirmato. Bisogna che il futuro sindaco si impegni in questo senso. Lui potrà cambiare e gestire la situazione, anche sul fronte azionariato popolare. Dovremo essere in tanti sabato mattina per non farci prendere per i fondelli dai Valentini. Vogliamo un corteo colorato, rumoroso e, ribadiamo, pacifico. Con Viganò aspettammo cinque anni prima di fare una manifestazione. Poi il sindaco chiamò un imprenditore (Mazzocco n.d.r.) che ci riportò in Serie B. Per quanto riguarda la gara di sabato pomeriggio, invece, la Tribuna Fattori chiede che scenda in campo la primavera. Se ciò accadrà sosterremo la squadra, in caso contrario, contesteremo. Quest’anno tutti ci possono accusare di tutto fuorché di non aver sostenuto il Padova fino all’ultimo.

Giorgio Ferretti, AICB: premetto che non è vero che ci sono rivalità tra AICB e Tribuna Fattori. Abbiamo solamente modi diversi di tifare, ma le finalità sono esattamente le stesse. Sono d’accordo con quanto detto da Andrea Danieletto. Penocchio ha sfidato la città questa settimana. Ha dichiarato che di padovani pronti a rilevare la società non ne ha visti, cosa che ha detto anche Cestaro lo scorso giugno. Noi tifosi possiamo cambiare le cose, ma solo attraverso il potere politico ed il potere economico. Servono imprenditori padovani, se no è inutile star qui a contestare. La storia biancoscudata degli ultimi vent’anni ci insegna che solo i presidenti padovani, o che comunque avevano interessi sul territorio, hanno giovato alla squadra. Non sono d’accordo sul fischiare la squadra sabato pomeriggio. Ho visto parecchi giocatori in questo ultimo periodo, ed anche ieri sera, dare l’anima per la maglia e non tirare indietro la gamba. (pronta la risposta di Andrea Danieletto, che conferma l’intenzione di contestare i giocatori della prima squadra, essendo retrocessi tutti insieme).

Michele Toniato, assessore comunale: vi comunico che oggi è stato finalmente concluso l’iter per l’autorizzazione dei lavori di ristrutturazione dello Stadio Appiani, che partiranno presto. Credo che la prossima settimana organizzeremo una conferenza stampa con i fratelli Vecchiato (finanziatori dei lavori) per presentare il progetto ed inaugurare anche una targa in memoria di Silvio Appiani che verrà posizionata nel tunnel d’ingresso al campo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy