De Feudis, Iori e Bonazzoli: la conferenza stampa di presentazione

De Feudis, Iori e Bonazzoli: la conferenza stampa di presentazione

Dalle 17 segui in tempo reale la conferenza stampa di presentazione dei tre nuovi acquisti del Padova (De Feudis, Iori e Bonazzoli)!

Luca Baraldi: abbiamo cercato di dare al mister la squadra con organico completo. Questi ragazzi erano gli obiettivi prioritari di questa sessione di mercato. Siamo molto contenti che abbiano sposato il nostro progetto. Riteniamo di aver completato il rafforzamento della nostra rosa.

Manuel Iori: Ambiente sereno, alcuni compagni li conoscevo già. Le prime impressioni sono ottime. Torno volentieri in questa città dopo l’esperienza di Cittadella. Questo è un altro capitolo e spero di fare bene. Ho caratteristiche di impostazione ma so anche fare la fase difensiva. Penso di essere un giocatore lineare. La piazza padovana? L’ho conosciuta da avversario quando vestivo la maglia granata. L’anno scorso al Toro avevamo una cosa: l’unità di intenti. Ecco credo che quello sia fondamentale. Quindi squadra, tifosi, ambiente, tutti uniti. A Cesena siamo partite con delle aspettative poi un po’ deluse, il Padova mi ha fortemente voluto rilevando la metà del mio cartellino e per me questo era un grosso stimolo. Per questo ho scelto Padova.

Giuseppe De Feudis: Vale lo stesso per me, adesso siamo pronti per questo girone di ritorno, sperando che sia da protagonisti. Ci vuole continuità nei risultati e grande applicazione e determinazione da parte di tutti. E perché no un pizzico di fortuna che non guasta mai. Sono un centrocampista centrale, che recupera palloni e sa far gioco. Le potenzialità questa squadra le ha. Il Presidente ci ha detto che lui vorrebbe sempre la vittoria. Noi ci proveremo per portare il Padova in alto in classifica, là dove gli compete.

Emiliano Bonazzoli: ho fatto due mesi in cui c’è stato il cambio di allenatore. Piano piano si trova l’amalgama con i compagni. Aspetto con ansia il 26 per tornare in campo ed iniziare questa nuova avventura. Magari uno come me preferisce i cross ma deve anche lavorare bene con le mezze punte. Le mie caratteristiche migliori sono fare sponda e ricevere i cross dei terzini, ma poi spetta al mister collocarmi in campo.

 

La conferenza stampa prosegue con un dibattito tra la stampa, Salvatori e Baraldi sulle ultime scelte societarie. Viene chiesto ai dirigenti cosa è successo e perchè si è deciso di cambiare. E quali sono gli obiettivi veri del Padova. Si chiede chiarezza.

Fabrizio Salvatori: Ci chiedete chi ha preso Pea e chi l’ha mandato via. Ma sono queste le cose importanti secondo voi? Se è stata presa una decisione è perchè c’erano dei problemi. Una società seria non è tenuta a rivelare quello che fa e perché lo fa. (Per una questione di trasparenza e per tenere un rapporto con la piazza, replicano i giornalisti in sala). Voi avete gli stessi interessi nostri di andare in serie A. (Stefano Edel risponde: non ci piacciono questi discorsi. Non siamo giornalisti di serie B o di serie A. Non siamo dei pirla, non raccontateci palle, vogliamo delle risposte. Vogliamo capire come lavora questa società.) Non è mica un mio problema se non lo capite. Edel, scrivi le cose che hai saputo, perchè so cosa hai saputo,dopo ti rispondo. Non vengo mica dalla montagna sai.

Vantaggiato? Sono tutti contenti di riaverlo in gruppo. 

 

Luca Baraldi: Visto il clima ostile e di grande polemica che si è creato in questa sala, personalmente ascolto le vostre domande ma risponderò a fine campionato. Con grande trasparenza vi diremo la nostra opinione. Vi dico solo che le decisioni importanti vengono prese in maniera collegiale con tutta la dirigenza. Quando fu ingaggiato Pea eravamo noi due con il Presidente e il figlio. Siamo assoggettati al giudizio dell’opinione pubblica e gradiremmo essere giudicati alla fine del lavoro. L’aspetto tecnico ora è anteposto a quello economico. Cercheremo di non pensare a ciò che c’è scritto nei contratti sulle valorizzazioni.  Non sono previsti acquisti nel reparto arretrato. E Raimondi e Cutolo non si muovono.

I tagli al budget? Cambio di allenatore e acquisti e cessioni vanno in compensazione e chiudiamo in attivo. Volete delle cifre? La metà di Iori è stata pagata 140mila euro in tre anni.  

Premi playoff? No. C’è il premio promozione.

Il Presidente ha dichiarato che Anania non si sposta e che verrà valorizzato Silvestri. Anania è squalificato e se Silvestri farà bene come nelle 5 partite che ha giocato, è chiaro che Colomba farà delle valutazioni logiche. Non c’è nessuna pressione del Chievo. Farias  non se ne va da Padova perché il Padova vuole tenerlo e il Chievo può pure chiederlo ma fino a giugno resta qua.

Renzetti? Abbiamo fatto una proposta di rinnovo in ottobre. Per noi Francesco è importante e stiamo cercando di accelerare per rinnovare il suo contratto per altri tre anni, perché vogliamo una risposta prima della chiusura del mercato. Noi vogliamo giocatori motivati a giocare per il Padova. Vogliamo concentrazione totale sulla maglia biancoscudata.

Ci auguriamo che la richiesta fatta al Parma per Feltscher sia rientrata perchè noi vorremmo tenerlo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy