Il Padova parte bene ma poi inciampa. Succi subito in rete

Il Padova parte bene ma poi inciampa. Succi subito in rete

PADOVA       1

NOVARA       1

PADOVA (4-3-1-2): Agliardi; Legati, Cesar, Trevisan, Renzetti; Bovo, Italiano (34’st Vicente), Cuffa; El Shaarawy (26′ st Di Nardo); Succi, Soncin (19’st Crespo)

A disp.: Cano, Faìsca, Jidayi, Filippini.

All. Alessandro Calori

NOVARA (4-3-1-2): Ujkani; Morganella, Lisuzzo, Ludi, Gemiti; Marianini, Porcari, Rigoni (42’st Shala); Motta (25’st Drascek); Ventola (29’st Gonzalez), Bertani

A disp: Fontana, Gheller, Cossentino, Rubino.

All. Attilio Tesser

Arbitro: Riccardo Pinzani di Empoli (Italiani-Santuari).

Quarto uomo: Benassi

Marcatori: 9′ pt Succi, 24′ pt Motta (R)

Ammoniti: Cesar, Cuffa, Ventola, Ludi, Trevisan, Rigoni, Shala

Spettatori: 7416 (paganti 4499, abbonati 2917), per un incasso di € 38.729,30

 

Parte in quarta il nuovo Padova di Calori e segna con l’ultimo arrivato dopo appena 9 minuti. Succi mette subito in chiaro di che pasta è fatto, e regala il primo urlo di gioia ai tifosi biancoscudati, battendo Ujikani grazie all’ottimo assist di capitan Italiano.

Il Padova tiene bene il campo e diverte, avvicinandosi al raddoppio. Ma al 24′ il direttore di gara vede una trattenuta di Cuffa ai danni di Lisuzzo e indica il dischetto al Novara: Motta si incarica della battuta e trova il pareggio. Da qui a fine primo tempo il protagonista tra le file biancoscudate è indubbiamente il baby fenomeno El Shaarawy che, con prodezze e assist goniometrici, si mette in luce e fa divertire il pubblico. Ma c’è da soffrire, come la storia padovana recente insegna, e il Novara di Tesser dà del filo da torcere all’undici biancoscudato.

La ripresa prende avvio più blandamente rispetto alla prima frazione di gara e le squadre sembrano studiarsi per una decina di minuti. Dopodichè Succi prima e Bertani poi impensieriscono i rispettivi portieri avversari. Ma poi sono i piemontesi a prendere in mano le redini del gioco e a mettere in difficoltà i due centrali difensivi del Padova, costringendoli a diversi errori, come purtroppo accadde spesso la stagione scorsa. Calori dunque corre ai ripari e fa esordire nel campionato italiano lo spagnolo Crespo, ma non nel ruolo naturale di terzino destro bensì schierandolo come ala in un 3-5-2 in cui El Shaarawy fa la punta in coppia con Succi, anche se solo per pochi minuti, prima di lasciare il posto ad un applauditissimo Di Nardo. Al 28′ brivido in area del Novara per la bomba di Italiano, che va fuori di un soffio. Il Padova appare molto propositivo, spinge in avanti mettendo sotto pressione gli avversari che però si barricano in difesa e non lasciano passare un pallone. FInisce però 1-1, con una discreta prova di entrambe le formazioni.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy