Inaugurato al Pedrocchi il club PadovaNelCuore, presente tra gli altri il nuovo consigliere Vecchiato: leggi le sue dichiarazioni

Inaugurato al Pedrocchi il club PadovaNelCuore, presente tra gli altri il nuovo consigliere Vecchiato: leggi le sue dichiarazioni

Commenta per primo!

Il fatidico nastro è stato finalmente tagliato: da questo pomeriggio PadovaNelCuore, spin off dell’omonima trasmissione ideata la scorsa stagione dalla nostra redazione, è ufficialmente il ventiduesimo club affiliato all’AICB. Ed è anche il più numeroso, potendo già annoverare tra le proprie fila ben 120 iscritti. Una vera e propria “partenza col botto” per questo nuovo sodalizio biancoscudato ideato dal terzetto formato dall’imprenditore Gianfranco Borsatti, supertifoso ormai noto alle cronache nazionali per via della famosa clausola prematrimoniale sottoscritta con la consorte Orietta per avere la possibilità di assistere ad ogni gara del suo amato Padova, dal giornalista Claudio Campagnolo, direttore della testata UNO Magazine nonché scopritore, insieme a Stefano Viafora, della curiosa vicenda, e da Roberto Fortin, altro imprenditore, grande amico di Borsatti. Ai tre si sono successivamente aggiunti Ferruccio e Remigio Ruzzante, rispettivamente titolare dell’agenzia Studioverde (il logo del club, così come quello del Calcio Padova, è opera sua) e storico membro delle bronse querte nonché attuale speaker dello Stadio Euganeo, e Gianfilippo Panazzolo, dirigente di Padovafiere.

La sede del club? La più storica ed esclusiva che si potesse individuare: il Caffè Pedrocchi. Proprio lì, di fronte a quella stessa Piazzetta della Garzeria dove il 29 gennaio 1910 venne fondato il Calcio Padova. Nel cuore – non a caso – della nostra città. Sarà dunque nello storico locale del listòn che avranno luogo le iniziative del club, in primis la visione (bizze dello streaming permettendo) delle gare in trasferta del Padova grazie al televisore della sala verde, al piano terra.

Presente all’odierna inaugurazione, una foltissima delegazione biancoscudata formata dal presidente Bergamin, dal ds De Poli, da mister Parlato e da una nutrita schiera di giocatori, vale a dire i vari Cunico, Diniz, Amirante, Favalli, Corti, Anastasio, Niccolini e Giandonato.

Sono stati loro, in apertura dell’evento di inaugurazione, a ricevere quello che Claudio Campagnolo ha definito “l’abbraccio virtuale” della città ai propri beniamini tra i celebri leoni del plateatico del Pedrocchi, per poi spostarsi, insieme a soci, autorità e stampa, nella prestigiosa sala Rossini, dove si è tenuta la vera e propria presentazione dell’associazione. La perfetta occasione da parte dello stesso Borsatti, neopresidente del club, per consegnare le prime tessere onorarie del sodalizio a due suoi illustri colleghi: Sergio Giordani e Giuseppe Bergamin, entrambi intervenuti nell’occasione insieme all’assessore allo sport del Comune di Padova Cinzia Rampazzo.

A proposito: giornata importante, quella odierna, in ambito societario. Il CdA, riunitosi nel pomeriggio, ha infatti visto l’ingresso di tre nuovi consiglieri che andranno ad affiancare i già noti Giampaolo Salot, Moreno Beccaro, Massimo Poliero e Walter Tosetto: trattasi di Marco Bergamin, già collaboratore dell’area tecnica, Roberto Vitulo, responsabile amministrativo di Sunglass, l’azienda del presidente Bergamin, e Sandro Vecchiato, proprio lui, titolare insieme al fratello Michele della Interbrau e già coinvolto in svariate iniziative “collaterali” relative al mondo biancoscudato, prima tra tutte quella rappresentata dal restauro dello stadio Appiani.

Queste le dichiarazioni rilasciateci dal diretto interessato e dagli altri ospiti dell’evento a margine della presentazione del club (contributi video nelle prossime ore).

Vecchiato: “Oggi ho formalmente fatto il mio ingresso in società, ho sentito che era il momento di dare un’ulteriore mano al Calcio Padova, ma nulla cambierà in merito ai rapporti già esistenti con la proprietà: gli equilibri non cambieranno. L’Appiani? E’ uno stadio storico ormai volto verso il futuro. Non abbiamo ancora fissato il giorno dell’inaugurazione, ma intanto i tifosi vengano pure a vederlo!”

Bergamin: “Con l’ingresso dei nuovi consiglieri si allargano le prospettive degli aiuti e dei contributi di cui potrà godere il Calcio Padova. Perché per essere forte, una società ha bisogno di avere solide basi su cui poggiare. Il Plebiscito? E’ un progetto da portare avanti insieme all’amministrazione comunale. Ci auguriamo di riuscire a soddisfare i nostri tifosi. Il nuovo club? Penso sia uno dei più rappresentativi e credo possa essere fonte di traino per altre interessanti iniziative. E poi quello dei 120 iscritti è un numero davvero importante, un ringraziamento a chi ha avuto l’idea di fondare un’associazione del genere.”

Parlato: “E’ stato un bell’evento, mi ha fatto piacere conoscere il tifoso Borsatti e sua moglie, anche perché la loro “vicenda” ha avuto clamore anche a livello nazionale. Noi, da parte nostra, cercheremo sempre di alimentare l’entusiasmo dei tifosi con i punti conquistati sul campo. Siamo nuovi in questa categoria, ma la società vuole fare calcio in maniera importante. La squadra? I protagonisti in campo sono undici, ma l’elemento trainante è sempre il gruppo. I ragazzi stanno rispettando ruoli e mansioni, mi auguro continuino così mantenendo questo stesso atteggiamento, ritmo ed intensità”.

Giordani: “I risultati sono proporzionali al numero dei club, mi auguro dunque che nascano sempre più sodalizi del genere. Questo in particolare, oltre ad essere a cento metri da casa mia, è anche situato in una cornice di assoluto prestigio. Anche il nome mi si addice, perché il Padova ce l’ho davvero nel cuore. Sarò anche ex presidente, ma ora sono un semplice tifoso. E lo sono specialmente in questi ultimi tempi, dato che noto che dal punto di vista societario si stanno facendo le cose fatte bene.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy