Padova-Albinoleffe, le pagelle: buona prestazione complessiva, nessuna insufficienza. A spiccare sono Diniz, Petrilli e Neto Pereira

Padova-Albinoleffe, le pagelle: buona prestazione complessiva, nessuna insufficienza. A spiccare sono Diniz, Petrilli e Neto Pereira

Commenta per primo!

Petkovic 6,5: Due veri interventi nella sua gara, entrambi nella ripresa. Il primo lo vede deviare in corner una staffilata dalla distanza di D’Iglio, il secondo uscire sui piedi di un Girardi imbeccato in area di rigore dalle retrovie. Per il resto, ordinaria amministrazione. 

Dionisi 6,5: Spinge tanto e si propone bene, anche se la precisione dei traversoni appare in qualche frangente migliorabile. Attento in difesa, non concede mai spazi agli esterni avversari.

Diniz 7: Non ne sbaglia una. Roccioso e veemente, stronca sul nascere ogni avanzata seriana che si sviluppa dalle sue parti. Sempre più una garanzia.

Fabiano 6,5: Meno in evidenza rispetto al suo collega e compatriota Diniz ma ugualmente efficace. Cerca anche la fortuna in proiezione offensiva su calcio d’angolo, ma senza successo.

Favalli 6: Trova qualche difficoltà  nell’intendersi con Petrilli nel primo tempo per poi crescere nella ripresa. Ordinato in fase di copertura al pari del proprio omologo Dionisi, ha però la “colpa” di incaponirsi in una serie di conclusioni dalla distanza che terminano ampiamente fuori misura.

Ilari 6,5: Che piacere tornare ad assegnargli un bel voto. Ormai totalmente ripresosi dai problemi fisici di inizio stagione, l’esterno romano ha offerto oggi una prestazione assai positiva, prova ne sono gli applausi che hanno accompagnato la sua uscita dal terreno di gioco. Perché oltre a cercare un paio di volte la via della rete e ad intendersi bene con un il proprio compagno di fascia Dionisi, è suo il generoso assist che libera Petrilli per la conclusione del 3-0. Bentornato.

(dal 79′ Bearzotti): s.v.

Bucolo 6,5: Preferito a sorpresa a Giandonato in virtù della sua maggior capacità  di interdizione, ripaga in pieno la fiducia assegnatagli dal neoallenatore. La grinta in mediana c’è, il consueto contributo alla costruzione della manovra anche. Se poi ci aggiungiamo anche un’insidiosa conclusione dalla distanza, ecco maturare un’altra prestazione di grande affidabilità  da parte dell’ex Messina. Hai voglia a tenerlo fuori…

Corti 6: A suo agio nel nuovo centrocampo a quattro, risulta sempre sul pezzo e pronto a mettere pressione sui centrocampisti avversari. Buona anche la tenuta fisico-atletica fino agli ultimi minuti di gioco, alla faccia dell’anagrafe.

(dall’89’ Giandonato): s.v.

Petrilli 7,5: Il timore era quello di non vederlo più agire nei pressi della porta avversaria, essendo stato l’ex Martina Franca schierato sulla linea dei centrocampisti con ovvie necessità  di assistenza anche alla fase difensiva nel nuovo 4-4-2 di mister Pillon. Invece ecco una doppietta, la sua seconda in questa stagione. Dopo un primo tempo di ambientamento ed adattamento, infatti, eccolo chiudere i conti con un pregevole calcio di punizione prima e con un ottimo inserimento nell’area di rigore seriana intelligentemente premiato da Ilari poi. C’è bisogno di aggiungere altro?

Neto Pereira 7,5: Griffa la prima vera occasione da gol biancoscudata di giornata al 30′, realizza con freddezza il sigillo dell’1-0, dà  il la all’azione che porta alla terza rete e tenta anche di segnare la quarta. Sempre fondamentale, sempre capace di fare la differenza.

(dall’85’ Cunico): s.v.

Altinier 6,5: In fase di finalizzazione si rende per la prima volta pericoloso solamente in zona Cesarini, al 93′. Detta così, la sua parrebbe una bocciatura. Al contrario, il contributo ed il sacrificio che l’ex Ascoli profonde per la squadra meritano senza dubbio un plauso. L’assist che sforna per Neto Pereira dopo aver prontamente intercettato un pallone vagante in area di rigore ne è la più lampante dimostrazione. Come non rimanere però colpiti anche dal costante pressing alto che attua sui portatori di palla avversari e dai ripiegamenti difensivi di cui si rende protagonista fino all’interno della propria area di rigore in occasione delle palle inattive?

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy