PREZIOSI CI PROVA: A PADOVA IL GENOA “DUE”

PREZIOSI CI PROVA: A PADOVA IL GENOA “DUE”

Ormai il puzzle è quasi completo. Gli incontri segreti del Cavaliere, i silenzi e le mezze dichiarazioni: una facciata eretta per nascondere la vera trattativa, quella tra Cestaro e Preziosi, attuale presidente del Genoa. Una facciata crollata quando il Corriere Veneto ha “smascherato” Pastorello, rendendo pubblico ieri l’incontro con il patron biancoscudato. Si è trattato di un primo contatto, un sondaggio per capire la situazione attuale del Padova e la possibilità della cessione di una quota vicina al 30% al Re del Giocattolo, che, tradotto, entrerebbe nella società biancoscudata con due milioni di euro. Nel caso la trattativa andasse in porto (dovrebbero esserci novità tra oggi e domani), Pastorello non avrebbe comunque un ruolo attivo nel Calcio Padova (l’ex amministratore unico ha ammesso di rimanere a Lugano, dove ricopre la carica di Vicepresidente della squadra della città svizzera). Ed ecco che spunta il nome nuovo: Stefano Capozucca. Il Mattino di oggi indica il direttore sportivo del Genoa (in passato anche direttore generale) come possibile manager del nuovo Padova targato Preziosi. Sarà lui ad occuparsi in prima linea dei biancoscudati, con un Cestaro leggermente più defilato. L’intenzione di Preziosi è quella di creare una sorta di Genoa 2 dove poter far crescere i giovani talenti del Grifone, sotto la guida di uno dei talent scout più validi a livello nazionale. Va ricordato infatti che l’acquisto di Milito al Genoa (nel 2004) fu caldeggiato proprio da Capozucca, che ha anche il merito di aver costruito la Primavera campione d’Italia (quest’anno i baby genoani si sono aggiudicati il titolo nazionale).

Seguono aggiornamenti

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy