Salvatori: “Il nuovo allenatore sarà  giovane ma… esperto”

Salvatori: “Il nuovo allenatore sarà  giovane ma… esperto”

Salvatori, prime impressioni? «Positive. Per me è una grande gioia essere nuovamente a Padova. Qui ho vissuto una fase molto bella della mia carriera di calciatore e adesso ci torno da dirigente». Ha firmato per un anno? «Sì. L’ho voluto io stesso, mi sembra corretto. “Voi”, ho detto al cavaliere, “dovete capire come lavoro e non è giusto che mi leghi a lungo”. Certo che, se fai male a Padova, mica ti riconfermano. Qui conta vincere o raggiungere i playoff. Spero di poter dare ai tifosi quello che chiedono, posso promettere di lavorare con impegno e professionalità». Capitolo allenatore. Nomi se ne fanno tanti, è possibile che sia un giovane o invece uno già esperto? «L’uno e l’altro, nel senso che la B la deve conoscere. Abbiamo una lista in cui ci sono tecnici liberi, altri sotto contratto e altri che ci piacciono, ma che guadagnano cifre importanti». Lei non ci anticipa giustamente nulla. Proviamo noi: Apolloni? «È uno dei candidati. Ma ci sono anche Bergodi, Menichini, Mangia o altri, come Maran e Cosmi, che hanno accordi già sottoscritti e che costano molto». Da una proprietà che neppure si cura di rendere ufficiale il nuovo incarico di Baraldi, che l’ha caldeggiata presso Cestaro, secondo lei quanto tempo bisognerà attendere per conoscere il nuovo mister? «Non molto. Sarà una scelta ponderata, ma credo che, anche per i tempi del mercato, non andremo oltre fine settimana-inizio della prossima». Con chi opererà al mercato? Baraldi, Sottovia o qualcun altro? «Un po’ con tutti». Ergo: Sottovia rimane e con lui conferma certa anche per Gianni Potti, responsabile della Comunicazione. Come volevasi dimostrare.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy