I tifosi ci scrivono: chi sa, parli

I tifosi ci scrivono: chi sa, parli

L’angolo delle vostre opinioni. Scriveteci a info@padovasport.tv oppure sulla nostra pagina facebook.

Alberto: Siamo praticamente retrocessi. Cerco di essere razionale: un’annata storta può capitare. Quello che non deve succedere è prendere in giro la piazza. Penocchio lo sta facendo da un pezzo con un atteggiamento inspiegabilmente altezzoso (ma da dove gli deriva tutta questa prosopopea?), nascondendo gli errori e scaricando le colpe su chiunque, fuorchè su di lui (quelle poche volte che, costretto, ha dovuto pronunciare il mea culpa se ci fate caso non ha mai usato la prima persona: “La società può aver commesso degli errori, la società ha sbagliato le valutazioni”). Non me ne frega niente degli accordi con cestaro, non mi frega se è un affarista e vuole lucrare sul padova. Guardo solo a questa stagione che nonostante il mercato scandaloso poteva anche mettersi sui giusti binari. VOGLIO SAPERE LA VERITA’ su quello che è successo. E’ il minimo, dopo averci fatto vivere una delle annate peggiori della nostra storia calcistica.

Caro Alberto, sono d’accordo sul dovere morale di dare spiegazioni. Ma non mi riferisco solo a Penocchio e Valentini (che devono spiegare pubblicamente, non solo al sottoscritto, cos’è successo veramente con Secco, altrimenti vale tutto… accuse reciproche che si annullano a vicenda). I tifosi DEVONO sapere per esempio perchè cinque giocatori guidati da capitan Cuffa hanno chiesto l’esonero (ESONERO!) di Mutti. Cuffa, che dice di metterci sempre la faccia, lo spieghi alla piazza. Vediamo se ha veramente il coraggio di farlo. Per me, lo ripeto, è un atto grave che un calciatore professionista non si dovrebbe mai permettere di fare. Quell’episodio, sono convinto, ha segnato irrimediabilmente la stagione. Forse potevamo anche salvarci. Cuffa: se ci tieni veramente a questa maglia raccontaci cos’è successo. (Ste.Via.)

Stefano: Caro Pinocchio il calcio non dovrebbe far parte della tua vita..lascia la passione a chi la merita esci da questa città che non ti ha mai voluto..tradotto levati da Padova!!!

Daniele D.: Anche l’incapacita’ di Serena sabato e’ stata palese. Poco metodo, tutto lasciato al caso, poco studio della squadra avversaria, in campo i peggiori e i migliori in panca, nessuna conoscenza sui ruoli naturali dei giocatori e scarsissima cultura della serie B……

Alberto F.: Chiunque abbia a cuore un minimo il nostro Padova oltre che a un minimo di dignita’ professionale, davanti ad un affermazione del genere se non gli salta addosso e gli toglie il microfono, come minimo si alza e se ne va lasciandolo li da solo. Invece siccome siete solo giornalisti e basta state li impassibili ad ascoltare senza bater ciglio. Leoni quando si tratta di sparare sulla curva, servi quando parla il vostro datore di lavoro. Complimenti a tutti i giornalisti presenti, splendida dimostrazione di attaccamento alla maglia davvero. Bisogna essere proprio servi e complici per non reagire davanti a un insulto del genere

Claudio: Torna nella tua terra Lombarda, fai pena come persona oltre ad essere incapace a livello calcistico.

Michael: Ma proprio il pasquato che sabato se la rideva fuori dagli spogliatoi?? L’esultanza è per il premio goal che ghe ga da

Lele: Purtroppo gira e rigira, cambia modulo e interpreti il risultato non cambia. La vedo nera. Serena non è un incapace ma neanche era la persona giusta per dare la scossa.

Francesco: La primavera doveva giocare , perché quelli sanno solo che infangare la storia di una grande società!

Antonio: Spezzo una lancia a favore di Valentini jr: il mercato che ha fatto lui, cioè quello di gennaio, non è completamente da buttare. Improta non è male, Kelic secondo me dovrebbe giocare qualche partita perchè è fuori forma, La Camera può starci a lottare per la salvezza. Il problema è che questi signorini dei giocatori “sentono” l’inesperienza della società e ne approfittano. Secondo me si fanno anche grasse risate alle spalle di penocchio

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy