L’analisi di Baldin: anno nuovo… problemi conosciuti

L’analisi di Baldin: anno nuovo… problemi conosciuti

Allenatore di calcio, opinionista sportivo, consulente calcistico

Commenta per primo!

Dopo un gennaio iniziato in modo non semplice con le dimissioni di Secco e continuato con la frenesia del mercato e la fuoriuscita di voci contrapposte sull’ambiente squadra e sulle quali mi guardo bene dall’entrare nel merito… la temevano un po’ tutti a mio avviso questa ripartenza: la città, i tifosi, i giornalisti, probabilmente gli stessi giocatori, allenatore e società.

La Padova calcistica non è serena oggi e lo si percepisce anche da lontano, da chi con Padova non ha niente a che vedere.

Trapani non era sicuramente la piazza migliore per iniziare un girone di ritorno dopo un Gennaio così: ma il calendario è questo e non ci si può far nulla.

Bortolo Mutti è allenatore navigato, ma lo stravolgimento di mercato, le voci e gli ‘spifferi’, le dinamiche e le problematiche potrebbero crear confusione in chiunque.

Il mister ripresenta il 4-3-3 con Mazzoni in porta, linea difensiva a 4 composta da destra verso sinistra con Almici, Benedetti, Carini e Laczko. Centrocampo a tre con Musacci play centrale, Moretti interno destro e Osuju interno sinistro. Trio offensivo sono la punta centrale Rocchi supportato a destra da Improta e a sinistra da Pasquato.

Della squadra della andata schierata dall’allora mister Marcolin ci sono in campo i soli Pasquato e Osuji e Musacci che era entrato a partita in corso.

Anche Mister Boscaglia cambia molto rispetto alla squadra presentata all’Euganeo all’andata (6/11): non ci sono più nell’undici base 3 della linea dei 4 dietro (Lo Bue, Priola e Martinelli), Un esterno alto (Madonia) un centrocampista centrale Cacetta (che però è in panchina), e un attaccante Djuric che all’andata risultava essere l’unico straniero del Trapani.

Mister Boscaglia conferma il Trapani in 4-4-2 con Nordi in porta. Esterni bassi a destra Garuffo, a sinistra Rizzato, la coppia di difensori centrali sono oggi Pagliarulo e Terlizzi. Nei quattro di centrocampo, esterni alti sono Basso e Nizzetto. In mezzo la coppia Ciarramitaro e Pirrone (che all’andata era entrato a partita in corso). I due attaccanti sono bomber Mancosu e Gambino.

Che dire della partita? Pronti via e Padova sotto di un gol, Trapani che sfiora il raddoppio scheggiando la traversa dopo due minuti e al 17′ si va sotto 2-0. Partita compromessa!

Si prosegue…vi sono ancora un paio di situazioni per parte (in una di queste Pasquato potrebbe riaprire) ma la partita scorre via direi ‘quasi noiosa’.

Nella ripresa Mutti prova anche il 4-2-4 togliendo Laczko per Melchiorri e arretrando Osuji sulla linea difensiva. Poi prova la carta Vantaggiato per uno stanco Improta.

Rocchi trova il gol del 2-1 ma forse un po’ troppo tardi e il Trapani gestisce la partita abbastanza agevolmente rischiando solo su un colpo di testa di Santacroce.

Ora ci si ributta sul prossimo avversario…quel Carpi che è dibattito anche nelle aule di giustizia federale: sarà anche questa una settimana non semplice!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy