Padova: i play-off non li hai persi a Nocera!

Padova: i play-off non li hai persi a Nocera!

Allenatore di calcio, opinionista sportivo, consulente calcistico

Partita importantissima vista la netta sconfitta del Varese a Verona che riaccende le speranze dei patavini. Il Padova deve fare i 3 punti in prospettiva dell’ultimo turno che lo favorirebbe per via di uno scontro diretto. Dal Canto per la partita chiave in ottica play-off propone il 4-3-3 con Perin in porta, in mezzo Trevisan e Schiavi, a sinistra Renzetti e a destra Legati. I tre di centrocampo sono Italiano in regia con Bentivoglio mezzo destro e Cuffa mezzo sinistro, davanti Cacia punta centrale con Cutolo a destra e Lazarevic a sinistra.

Mister Auteri schiera una squadra sempre pronta ad attaccare tre punte con il funambolo peruviano Merino che spesso attacca a sostegno di Catania e Castaldo. E’ una squadra rivoluzionata rispetto a quella affrontata all’andata che ha cambiato almeno cinque giocatori su undici.

Fin dall’inizio si capisce che la Nocerina gioca una partita fondamentale per cercare di evitare la retrocessione, attaccando senza risparmiarsi nel suo stadio gremito di gente.

Il Padova non sembra presentarsi con la stessa determinazione dell’avversario, parte come al solito con la sua manovra bassa e ragionata ma quando arriva alla tre-quarti avversaria viene sempre ‘stoppato’ dai difensori.

Tra il 9′ e il 23′ si matura quello che sancirà l’addio ai playoff. Prima difesa bucata sul centro sinistra e vantaggio Nocerina, poi un gol che ha dell’incredibile: Merino calcia dal corner a rientrare sul primo palo, Renzetti liscia e Perin si fa sorprendere regalando così il 2-0 al Nocera. Su questo gol cala il sipario!

Diventa tutto difficilissimo…se sei in casa puoi anche tentare di recuperare, in queste trasferte, in questi stadi, è quasi proibitivo!

Cuffa si ‘mangia’ incredibilmente il gol che poteva rimetterci in pista. Dal Canto cambia assetto già al 38′ inserendo Succi al posto dello stesso Cuffa e passando in 4-4-2 con Cacia e Succi punte, Lazarevic a dx, Cutolo a sinistra, Italiano e Bentivoglio a completare i 4 di centrocampo.

Forse mai il mister aveva cambiato così prima dell’intervallo (se non per necessità) e questo la dice tutta sul provare l’impossibile, sul provare a raddrizzare una rotta che ha preso da tempo una direzione strana, ma allo scadere arriva anche il 3-0 con un’ottima giocata ancora di Merino.

Ad inizio ripresa mister Dal Canto inverte anche Cutolo con Lazarevic per avere negli esterni due giocatori a ‘piedi invertiti’…ma non ce n’è oggi, e forse non ce n’è più gia da tempo…il Padova non ha forza e non riesce a proporsi!

Le idee non sono lucide e nonostante due gol annullati per fuorigioco e un paio di ‘sparate’ di Cacia non riesce più a rientrare in partita abbandonando tutte le speranze con il passare dei minuti.

Peccato…eravamo sempre stati nei primi sei, ma in questi ultimi due mesi qualcosa si è inceppato nei meccanismi della squadra che è diventata lenta e prevedibile. Qualche ‘fiammata’ in qualche partita in questo finale di stagione ci aveva illuso di poter restare agganciati a quel treno, ma dei’ capitomboli’ improvvisi e avvenuti soprattutto nel finale di stagione, ci hanno dato delle ‘mazzate’ senza possibilità di rimedio. Peccato!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy