Padova-Virtus Entella: un flash sui singoli

Padova-Virtus Entella: un flash sui singoli

Allenatore di calcio, opinionista sportivo, consulente calcistico

Mister MARCOLIN rispetto alla partita con il Sydney non ha a disposizione Jelenic ed Ampuero, non convoca Voltan e porta in panchina MBakogu. In panchina vanno 23 giocatori ma stavolta è partita vera e i cambi sono solo 3. Il mister deve quindi scegliere e fa partire gli stessi undici che hanno iniziato con il Sydney con Osuji al posto di Ampuero.

COLOMBI: buona partita e almeno 3 buoni interventi per l’estremo biancoscudato nelle occasioni in cui l’Entella ha concluso, l’infortunio con il Sydney sembra dimenticato. Incolpevole sul gol subito

LEGATI: Bene nel primo tempo dove si popone e chiude, meno lucido nel secondo tempo con il Padova riversato nella metà campo avversaria: quando deve mettere la palla spesso è impreciso. Però nel cross con il quale tien dentro la palla che porterà al pareggio c’è molto merito.

CIONEK: vigoroso e attento in marcatura in questo inizio di stagione, quando lo sganciano cerca anche di salire sulle palle inattive

BENEDETTI: in crescita, tempestivo nelle chiusure, si sta inserendo molto bene nel ruolo

MODESTO: la bravura tattica c’è e l’esperiena non gli manca, rispetto alla precedente uscita ha avanzato il raggio d’azione

IORI: buona partita, si fa sempre trovare e distribuisce palloni in modo auterevole

CUFFA: parte con il solito piglio, ma deve lasciare all’intervallo

(dal 46′) MUSACCI: ha buona tecnica e in questo secondo tempo cerca di metterla in mostra tutta

OSUJI: non si è allenato bene in questi giorni per un colpo ricevuto mercoledì, scende in campo in mancanza di Ampuero, corre e lotta fino alla fine

CIANO: c’è in campo e fa movimento in fascia destra, arriva anche alla conclusione, deve essere più incisivo nell’uno-due con i compagni

(dal 61′) MELCHIORRI: qualche guizzo importante: entra in area con prepotenza nell’occasione del rigore ottenuto

VANTAGGIATO: Bene nel primo tempo, meno bene nel secondo dove sparisce un po’, forse per stanchezza, però trasforma con bravura il rigore allo scadere che qualifica il Padova

RAIMONDI: prova i sui guizzi per liberarsi al tiro e talvolta, per essere fermato, subisce qualche ‘strattonata’ di troppo, coglie una traversa da 30 metri che trema ancora

(dal 63′) PASQUATO: c’è bisogno di vivacità e lui sembra essere l’uomo giusto. Guizzi repentini e segna un gran bel gol

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy