Marchetti: “Perchè Bonazzoli? C’è un ragionamento tecnico dietro”

Marchetti: “Perchè Bonazzoli? C’è un ragionamento tecnico dietro”

Commenta per primo!

Emiliano Bonazzoli al Cittadella. Un’operazione che stupisce se si considera la varietà del reparto avanzato dei granata, primi in classifica. A spiegare l’acquisto a sorpresa, ai nostri microfoni, è il direttore generale Stefano Marchetti, che esclude tra l’altro un’imminente cessione: “C’è un ragiomento tecnico dietro, è semplicemente una freccia in più al nostro arco. Fino a ieri avevo attaccanti con determinate caratteristiche ma mi mancava il profilo di Bonazzoli, ovvero un giocatore alto capace di spizzare la palla e tenere alta la squadra, uno alla Djuric per intenderci”. L’ex attaccante del Siena si era liberato proprio ieri, dopo una buona prima parte di stagione con la maglia dei toscani (condita da 4 reti in campionato): “Appena l’ho saputo – continua Marchetti – l’ho chiamato e gli ho chiesto se voleva venire qui. Un problema l’età? No di certo, se mettiamo in discussione Bonazzoli… Mi sembra che abbia fatto bene a Siena e anche in passato dove ha giocato. Non vogliamo lasciare nulla di intentato, l’idea è quella di completare un reparto a cui mancava questo tipo di giocatore. Coralli è un giocatore di manovra, Jallow, Sgrigna e Bizzotto hanno altre caratteristiche. Se domani, faccio un esempio, Litteri viene squalificato voglio che l’allenatore abbia la possibilità di giocare comunque in un certo modo”. Bonazzoli, che è sposato con una padovana, oggi ha preso parte al primo allenamento agli ordini di Venturato, ha firmato un contratto di sei mesi con opzione di rinnovo.

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy