Alto Adige-Padova, le pagelle. Serena sfrutta l’occasione da titolare, qualche incertezza in difesa

Alto Adige-Padova, le pagelle. Serena sfrutta l’occasione da titolare, qualche incertezza in difesa

di Redazione PadovaSport.TV

Bindi 6,5: Bella parata su Fink nel primo tempo che evita il possibile 2-0. Nella ripresa evita l’autogol su una brutta deviazione di Trevisan.

Salviato 5,5: Entrambi poco positivi i terzini, nel caso dell’ex Cremonese poca spinta e qualche sbavatura nei fondamentali.

Cappelletti 5,5: Meglio del suo compagno, nel primo tempo potrebbe segnare con un colpo di testa sotto porta. Ma è anche vero che Costantino lo salta letteralmente in occasione del gol del vantaggio.

Trevisan 5,5: Dopo il gol di Costantino si francobolla all’attaccante dell’Alto Adige risultando efficace. Ma in altri frangenti si dimostra meno sicuro del solito, rischiando anche l’autorete.

Contessa 6: Corre di più rispetto a Salviato ma anche lui è meno incisivo del solito.

Serena 7: Un motorino a tutto campo, che recupera palloni, si inserisce con tempismo e crossa in modo efficace (chiedere a Guidone). Ha sfruttato al meglio la sua chance da titolare.

Pinzi 6: Solita esperienza al servizio della squadra

Bellemo 6: Positivo nel primo tempo, dove si mette in luce con qualche buon intervento difensivo. Dopo logicamente cala.

(Mandorlini) 6: Bisoli non vuole rinunciare al suo stato di grazia e lo inserisce anche se non al meglio. La risposta è positiva.

Capello 6: Controllato bene dalla difesa di casa, non riesce a trovare troppi spazi. Un po’ meglio nel primo tempo da trequartista.

(Russo) sv

Guidone 6,5: Guido-gol se vuole fa male alle difese, e oggi ha segnato con caparbietà un gol davvero prezioso per il Padova.

(Lanini) sv

Gliozzi 5,5:  Si muove molto ma alla fine dei conti conclude gran poco. Bisoli lo leva nella ripresa per lasciare spazio a Sarno.

(Sarno) 6: Entra bene in partita guadagnando un angolo e impensierendo subito la difesa altoatesina.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy