Galderisi: “Il Cittadella andrà fino in fondo, il Padova deve crederci con anima e corpo”

Galderisi: “Il Cittadella andrà fino in fondo, il Padova deve crederci con anima e corpo”

Commenta per primo!

Nello scorso weekend le padovane impegnate in Lega Pro sono tornate a vincere entrambe nello stesso turno, cosa che non capitava dal 6 dicembre 2015. Un’iniezione di fiducia importante specialmente per i granata che hanno allungato in vetta come sottolinea Giuseppe Galderisi, intervistato dal Gazzettino: “Il Cittadella sta facendo il suo campionato in maniera intelligente, mantenendo la propria dimensione e mentalità. La società è seria e anche nei momenti di difficoltà non cambia linea. Marchetti sa lavorare in questo mondo e ha sempre la soluzione giusta da tirare fuori dal cilindro. Per questi motivi sono convinto che i granata arriveranno fino in fondo a giocarsi il primo posto”. Sulle avversarie per la promozione diretta “Nanu”  ha le idee chiare: “Alessandria e Pavia sulla carta possono dare fastidio, anche se i lombardi sono più indietro. Mi stupisce un pò il secondo posto del Feralpi, anche se credo abbia qualcosa in meno delle altre”. Proprio i bresciani sono i prossimi avversari del Padova, vecchio amore di Galderisi, per la quale panchina è stato anche in lizza il mese scorso prima che la società scegliesse Pillon: “Al tempo ho parlato con De Poli ed il presidente, poi sono state fatte altre scelte e io gli ho fatto il mio più sincero in bocca al lupo, se doveva toccare a un altro sono felice sia stato Pillon. Certo è che Padova è sempre Padova e in questa piazza bisogna sempre provarci fino in fondo. Il gruppo deve metterci anima e corpo per vedere se riesce ad attaccarsi alla zona playoff, è comunque un modo di gettare le basi per la prossima stagione. Il passaggio dalla serie D alla Lega Pro non è per niente facile, c’è chi punta alla promozione spendendo un sacco e magari non centrando l’obiettivo, invece qui vedo programmazione e voglia di costruire tassello dopo tassello un gruppo importante con passione, logica ed entusiasmo”. L’ultima battuta l’ex bomber biancoscudato la riserva per il suo futuro: “Sto aspettando la chiamata giusta che mi permetta di fare il salto di qualità. A differenza di qualche anno fa in cui ero pronto per tornare in questa nuova veste a Padova ora la vedo più difficile. Comunque – conclude scherzando – quando vorranno andare in serie A, sanno dove cercarmi…”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy