Lecce-Padova, le probabili formazioni. Ceccaroni verso il posto da titolare nella difesa a tre

Lecce-Padova, le probabili formazioni. Ceccaroni verso il posto da titolare nella difesa a tre

di Gianmarco Zandonà

Chissà se c’era qualche biancoscudato ieri sera al dj set di Bob Sinclar a Padova. Le canzoni d’incoraggiamento e ispirazione come “I believe” e “World, hold on” sarebbero proprio un messaggio perfetto per il momento negativo della squadra padovana. Non sarà facile al “Via del Mare”. Domenica alle 15 si profila una sfida veramente ostica contro il Lecce. Entrambe neopromosse, le due compagini vivono un campionato in maniera totalmente opposta: testa libera, convinzione, gioco propositivo per i Lupi salentini di Liverani che  vogliono continuare a sorprendere e stupire; preoccupazione e periodo buio in casa biancoscudata che non sembra finire neanche sotto la gestione del neoarrivato Foscarini. I giallorossi sono saldamente al terzo posto a 26 punti, con la vetta che dista solo quattro lunghezze, mentre i patavini sono precipitati a fondo classifica al penultimo posto a 11. Andiamo a vedere le possibili scelte dei due allenatori.

 

QUI LECCE- A parte la sconfitta contro il Palermo, lo stadio di casa è un fortino impenetrabile. Inoltre i salentini hanno dalla loro l’entusiasmo del momento in cui si sono affermati come rivelazione di categoria e continuando con questo passo è giusto pensare alla promozione in massima serie. Prima di pensare al calciomercato e ai possibili arrivi di Tachtsidis, Deiola, Valzania, l’obiettivo è chiudere questa serie di partite nel migliore dei modi. C’è da riscattare la sconfitta di Brescia che ha sancito il sorpasso delle rondinelle, anche se il Lecce non meritava di perdere. Per la sfida contro i veneti, i ragazzi di Liverani dovrebbero scendere in campo nell’assetto abituale, con il 4-3-1-2. In difesa Calderoni recupera la fascia sinistra,  sulla destra il ballottaggio è Fiamozzi/Lepore, mentre Bovo- Lucioni costituisce la coppia centrale di esperienza. Davanti alla difesa dovrebbe agire Petriccione, ai suoi lati Scavone e Armellino. Mancosu inamovibile da trequartista a supportare il tandem d’attacco Falco-La Mantia, con Palombi che scalpita per una maglia dal 1′ . Il pacchetto offensivo giallorosso è una cooperativa del gol: l’ex Entella e il giovane scuola Lazio sono a 6 centri, il fantasista è a 5 mentre Falco a 4. Per il Lecce sicuramente non è un problema trovare la via della rete. Possibili i forfait di Tabanelli e Venuti.

Probabile formazione (4-3-1-2): Vigorito; Fiamozzi/Lepore, Lucioni, Bovo, Calderoni; Scavone, Petriccione, Armellino; Mancosu; Falco, La Mantia. 

 

QUI PADOVA- Foscarini è stato chiaro: bisogna ritrovare lo spirito,l’atteggiamento, la cattiveria giusta per ripartire. E la classifica lo impone. Il weekend scorso è stato amaro per il team biancoscudato: nello suo turno di pausa, ci sono stati tutti risultati positivi per le concorrenti della lotta salvezza. Il Carpi e il Foggia hanno vinto, il Cosenza ha fatto un altro passetto avanti, il Livorno resta dietro ma ha costretto al pari la capolista e sembra essere in un buon momento. La situazione è difficile, pesante e la squadra è così scivolata al penultimo posto. Neanche il calendario aiuta, in programma ci sono due sfide contro Lecce e Benevento, formazioni che per struttura e condizione mentale sono messe nettamente in vantaggio rispetto al Padova. Infine ci sarà lo spareggio in casa del Livorno, da non sbagliare. Le premesse non sono ottime ma prima di pensare al calciomercato è giusto cercare di uscire da questo momento complicato e strappare quanto più possibile dalle prossime partite per evitare di non precipitare ancora più a fondo. Su questo lavora Foscarini, al netto delle differenze tecniche, conta ritrovare la giusta convinzione che può permettere di rialzarsi. Per la trasferta di Lecce mancherà lo squalificato Cappelletti e in settimana è stata testata la difesa a tre. Il mister vuole continuare con lo schieramento a quattro ma è possibile che per questa partita ci sia un 3-5-2, con Ceccaroni verso una maglia da titolare, mentre sulle fasce a sinistra va Contessa, a destra il ballottaggio è tra Zambataro e Salviato. In regia Pinzi, ai suoi lati c’è da sciogliere qualche dubbio: si giocano la maglia il capitano Pulzetti (difficile che si faccia a meno della sua esperienza in un match delicato), Belingheri, il recuperato Broh e Mazzocco. Davanti nessun dubbio per la coppia d’attacco Capello-Bonazzoli.

Probabile formazione (3-5-2): Perisan; Ceccaroni, Capelli, Trevisan; Zambataro/Salviato, Broh/Mazzocco, Pinzi, Pulzetti, Contessa; Capello, Bonazzoli. A disposizione: Merelli, Favaro, Vogliacco, Serena, Belingheri, Minesso, Clemenza, Cisco, Marcandella, Chinellato.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy