Vigilia Padova-Santarcangelo, Bisoli: “Partita insidiosa, verranno qui a chiudersi”

Vigilia Padova-Santarcangelo, Bisoli: “Partita insidiosa, verranno qui a chiudersi”

di Redazione PadovaSport.TV

Padova-Santarcangelo, la vigilia. Prevista per le ore 16 la conferenza stampa di mister Pierpaolo Bisoli, che presenterà i temi della gara dal cortile dell’Appiani.

Queste le sue dichiarazioni: “L’importante sarà avere l’approccio giusto, perché queste gare riservano sempre delle insidie. In settimana ho detto alla squadra di pensare di essere al cospetto di una squadra più forte, perché solo con un atteggiamento ottimale si può venire a capo di incontri sulla carta facili come quello di domani. Il Santarcangelo verrà infatti qui per cercare di strapparci un punto giocando sui rimpalli e sugli episodi. Troveremo quindi una squadra chiusa contro cui dovremo essere pazienti, non concedere ripartenze e cercare di sbloccare il risultato quanto prima per farli sbilanciare un po’. Ci saranno tanti spazi stretti, per cui il gesto tecnico sarà importante, così come la velocità. I primi venti minuti saranno bloccati, poi se riusciremo a sbloccarla potrà cambiare tutto. Noi stiamo attraversando un buon momento, dobbiamo proseguire, ma purtroppo siamo un po’ in difficoltà per via delle numerose assenze. In squadra comunque siamo in tanti, i ragazzi sanno che devono farsi trovare pronti e io ho fiducia in tutti. Il turno infrasettimanale? Effettivamente devo tenerne conto, perché ci sono giocatori capaci di recuperare prima di altri. Contessa e Pinzi? Il primo ha un piccolo affaticamento all’adduttore, il secondo sta accusando i carichi delle quattro partite consecutive. Credo che la cosa più probabile sia vedere in campo Pinzi domai e Contessa mercoledì. Tuttavia, di alternative ne ho: al posto di Contessa potrei utilizzare Zivkov, Trevisan o Cappelletti, oltre all’indisponibile Zambataro. Al posto di Pinzi invece De Risio o Serena. Mister Angelini? È stato il mio vice a Cesena per due anni. È una bravissima persona, molto diversa da me. Sa insegnare la tecnica, è abile a lavorare con i giovani, ma ha già ottenuto buoni risultati anche con i più grandi. La classifica? Vincere ci proietterebbe verso le posizioni più nobili. Però non mi strapperei i capelli in caso di mancato successo: a Ravenna avremmo già la possibilità di riscattarci”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy