Padova Academy, il nuovo mondo del settore giovanile biancoscudato

Padova Academy, il nuovo mondo del settore giovanile biancoscudato

Commenta per primo!

Il settore giovanile del Calcio Padova raddoppia, nasce la Padova Football Academy.

Nei prossimi mesi il settore giovanile del Calcio Padova cambierà radicalmente la propria struttura e le metodologie di formazione e di reclutamento con l’obiettivo di formare giovani calciatori e tecnici per tornare ad essere punto di riferimento del calcio giovanile del Triveneto.

Verranno difatti ottimizzate le risorse perche questo progetto dell’Academy di avere una propria struttura con una propria autonomia tecnica e economica per la prima parte del settore giovanile, ovvero quello del preagonismo: le squadre fino all’annata 2005, ovvero dalla Berretti agli Esordienti Professionisti continueranno difatti a far parte dell’organico dell’attività agonistica. Verrà dunque creata una società sportiva dilettantistica a responsabilità limitata con il Calcio Padova socio al 49% e il presidente del settore giovanile Massimo Poliero al 51%. L’obiettivo è quello di preparare i più giovani calciatori ma anche tecnici e vari componenti dello staff ad un più graduale e facilitato inserimento nel professionismo. Si tratta ovviamente di un progetto con orizzonte pluriennale per lo sviluppo e la valorizzazione massima del vivaio del Calcio Padova.

Gestione del personale e unità di idee saranno condivise da Academy e società in questo modo con l’intento di valorizzare al massimo le qualità in possesso dei ragazzi e colmare eventuali lacune non solo dal punto di vista tecnico ma anche di ogni altri tipo anche attraverso il riconoscimento di borse di studio che possano aiutare i giovani calciatori in erba.

L’obiettivo è quello di raggiungere l’eccellenza nel calcio giovanile a livello italiano e come esempi sono stati citati quelli di società come Atalanta ed Empoli, da sempre grandi serbatoi di talenti che riescono a crescere senza pressione e che creano inoltre un grande patrimonio per le società stesse.

Massimo Poliero (presidente settore giovanile): “Un progetto ambizioso ma che riteniamo necessario per far si che Padova torni a essere un punto di riferimento per il calcio giovanile a livello del Triveneto prima e dell’intero calcio italiano poi. Ci siamo resi conto dopo attente riflessioni di quanto possa essere importante formare i ragazzi prima di tutto dal punto di vista sociale prima ancora che dal punto di vista tecnico. Il budget resterà a grosso modo invariato, puntiamo a ottimizzare le risorse, aprire centri tecnici di nostra competenza nei quali ci avvaleremo di nostri collaboratori per portare avanti questo progetto e far si che un domani i ragazzi abbiano una prospettiva reale di crescere sotto ogni punto di vista. Abbiamo visto, come ad esempio al torneo di Abano la settimana scorsa, quanto conti avere un progetto e che coinvolga i ragazzi e le loro famiglie. Tante squadre fatte di ragazzi anche fisicamente meno prestanti hanno mostrato qualità importanti perché frutto di un’organizzazione societaria seria che permette ai giovani di essere seguiti da persone all’altezza che li indirizzino nella maniera giusta verso il calcio dei grandi. Potenzieremo tutti i fattori necessari all’ottimizzare le risorse comprese la foresteria, i trasporti e avremo tra Calcio Padova ed Academy 29 squadre invece delle 27 che abbiamo quest’anno “.

Giorgio Molon (responsabile settore giovanile): “Il nostro obiettivo è educare, sia i ragazzi nella crescita che la gente ad avere pazienza nel saper anche aspettare i giovani che crescono. Questa Academy permetterà al Calcio Padova di poter portare quanto più possibile vicino i giovani calciatori a sentirsi parte di una famiglia e di una società che come sappiamo negli anni è stata spessa tra le migliori a livello di settore giovanile. Vogliamo fare si che i ragazzi possano avvicinarsi il più possibile a diventare prima di tutto degli uomini prima ancora dei calciatori. Il progetto che stiamo portando avanti con l’importante contributo di Massimo Poliero che ha capito quanto possa essere di aiuto per tutto il mondo del Calcio Padova e per l’Academy stessa il cui obiettivo è prima di tutto il formare dei ragazzi pronti a relazionarsi con il mondo sportivo e non. L’impegno sociale condiviso con il direttore e l’allenatore della prima squadra farà si che gli investimenti che verranno fatti per i ragazzi siano sinonimo di utilità e non di spreco come avviene dove non c’è progettazione”.

De Poli: “Sono assolutamente convinto che questo progetto sia importante e possa rappresentare in futuro un fiore all’occhiello per la società. Come detto formazioni quali Empoli e Atalanta per fare due esempi tra i più noti a tutti hanno messo in moto una macchina che gli permette di avere un patrimonio invidiabile in tutta Italia per organizzazione e sviluppo di talenti che possono diventare i campioni del domani. Il nostro impegno congiunto sarà certamente profuso nel voler permettere ai givani ragazzi di respirare l’aria della parte agonistica evfarsi trovare pronti sotto ogni punto di vista quando sarà il loro momento di arrivarci”.

I valori fondamentali a cui l’Academy si ispira e che vuole trasmettere a tutti i livelli sono: passione, professionalità, lavoro di squadra, onestà e rispetto.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy