Sala stampa Teramo-Padova, Bisoli: “Sarebbe stato più giusto il pari. Noi insultati per tutta la gara”

Sala stampa Teramo-Padova, Bisoli: “Sarebbe stato più giusto il pari. Noi insultati per tutta la gara”

Commenta per primo!

Queste le dichiarazioni rilasciate nel postpartita di Teramo-Padova da mister Bisoli e da Alessandro Capello.

Bisoli: “Il Teramo ha segnato entrambe le sue marcature su calcio piazzato. Mentre noi, nella ripresa, abbiamo avuto tre palle gol: due con Capello e una con Cisco. Non è facile venire qui e creare molto. Il secondo tempo è stato maschio, si è giocato poco. A noi è mancata un pizzico di cattiveria, ma direi che inciampare dopo quattro vittorie fa parte del calcio. Il mancato primo posto? La classifica dobbiamo guardarla a maggio. Tengo però a ripetere: le nostre occasioni per pareggiare oggi le abbiamo avute. Non ho certo visto la mia squadra crollare. Se mi ha convinto il reparto offensivo? Molto. Semmai è mancato il supporto in altre zone del campo. Ma fa tutto parte di un processo di crescita: siamo solamente all’ottava partita. E noi oggi siamo in linea con gli obiettivi che ci eravamo prefissati, per cui non facciamo drammi se perdiamo. Cosa ha deciso la gara? Il fatto che il Teramo abbia messo due palloni in fondo al sacco. Infatti credo che il pareggio fosse il risultato più giusto. Ma lo era anche tre settimane fa, quando abbiamo vinto a San Benedetto: il calcio è così… Cosa è successo nel finale? In panchina abbiamo subìto insulti senza mai reagire per tutta la partita: non credo che questo sia il modo giusto di interpretare il calcio. I tifosi a fine partita? Dobbiamo andarli a salutare, non credo sia un grosso sacrificio da parte nostra. Infatti poi, seppur nella sconfitta, ci hanno applaudito e ci hanno detto che sono con noi”.

Capello: “Già nel primo tempo potevamo essere almeno avanti di due gol. Ci dispiace non aver incrementato il vantaggio, e poi è andata come è andata… Ci rifaremo nella prossima partita. Il mio ruolo odierno? Era sempre un 4-3-1-2, solo che il mister ha chiesto agli attaccanti di partire dall’esterno. Io mi sento bene, il fatto di essermi sbloccato mi dà fiducia, ma oggi non è bastato. Poco importa del mio gol se poi il Padova non ha raccolto punti. La rete del pareggio? Marcavo io Varas, ma mi sono fatto attrarre dal pallone e non sono riuscito a colpirlo. Quel gol ci ha creato qualche problema: nella ripresa il Teramo è partito più carico e ha trovato il raddoppio. L’occasione nel finale? Il pallone mi è rimasto un po’ davanti, ho cercato di calciare di punta, ma il portiere avversario ha controllato facilmente”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy