Sbraga: “Battiamo il Pavia per regalarci un finale di stagione esaltante”

Sbraga: “Battiamo il Pavia per regalarci un finale di stagione esaltante”

Commenta per primo!

Con appena tre reti subite nel girone di ritorno la difesa del Padova si sta rivelando un vero e proprio fortino e il merito è anche di Andrea Sbraga. Arrivato dalla Carrarese nel mercato di gennaio, si è subito ritagliato un ruolo da protagonista nel pacchetto arretrato diventando un titolare inamovibile. In coppia con Diniz o Fabiano al centro del reparto, lui c’è sempre. Ecco le sue parole intervistato dal Gazzettino: “Il segreto? Lavoriamo molto sulla fase di non possesso, sull’organizzazione e sulla compattezza di squadra. Appena perdiamo palla siamo bravi ad andare a pressare e a compattarci, grazie anche agli attaccanti che sono i primi a difendere e a dare una mano al centrocampo, di conseguenza anche noi dietro ci troviamo meglio. Con i compagni mi trovo molto bene: a Mantova c’è stata anche la novità di Diniz come terzino destro e tutto ha funzionato subito al meglio. Siamo contenti e speriamo di continuare su questa strada”.
Domani contro il Pavia, nonostante la squalifica di Cesarini, per Sbraga e compagni ci sarà da fare i conti con clienti scomodi come Ferretti e Sforzini. “Conosciamo le loro caratteristiche, sono attaccanti con grandi qualità e forza fisica – continua il difensore romano – Sono i loro punti di riferimento in attacco e giocheranno molto sulla prestanza fisica, sulla loro capacità di proteggere palla e sulle loro spizzate. Ma tutto il Pavia è una squadra costruita per vincere direttamente il campionato con giocatori che possono risolvere la partita, quindi ci vuole un occhio di riguardo per tutti”.
Tanto più che la sfida con i lombardi va letta anche come vero e proprio scontro diretto in chiave playoff, con i biancoscudati che vogliono agganciarsi al treno degli spareggi promozione dopo avere praticamente archiviato la pratica salvezza sabato scorso con il Mantova: “Vero, la salvezza è in tasca al 99,9 per cento e quindi abbiamo dalla nostra parte una certa tranquillità. Domani abbiamo questa grande possibilità con una concorrente diretta e vogliamo provarci, tanto più che giochiamo davanti ai nostri tifosi. Sarà senz’altro una bella partita, speriamo di riuscire a batterli e di disputare un finale di stagione esaltante. C’è serenità, allegria e voglia di fare bene. Che Padova si vedrà? Spero come con il Mantova, siamo andati a prenderli subito alti e abbiamo imposto il nostro gioco”. Il primo compito di Sbraga è quello di difendere, ma spesso al termine dell’allenamento si intrattiene a lungo per una serie di tiri in porta, a Padova attendono il primo gol di Sbraga col biancoscudo: “Quest’anno con la Carrarese ho segnato con il Pisa in campionato, e un gol l’ho fatto su punizione con la Pistoiese in Coppa Italia. A quando il mio primo sigillo biancoscudato? Mi auguro che arrivi presto, e l’importante è che sia decisivo. Alla fine comunque non importa chi segna, basta vincere”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy