Serie C, big in calo nei tre gironi. Anche Livorno e Lecce perdono punti

Serie C, big in calo nei tre gironi. Anche Livorno e Lecce perdono punti

di Redazione PadovaSport.TV

Il fantasma dell’Alessandria dello scorso anno aleggia evidentemente dalle parti di Padova, Livorno e Lecce. Se per i biancoscudati il k.o. interno con il Teramo, per come è maturato, ha tutta l’aria di essere un incidente di percorso, per le altre due “big” la situazione è già più preoccupante. Sicuramente non c’è aria di festa a Livorno, nonostante i 51 punti e le due partite in meno: il Siena ha compiuto il tanto temuto sorpasso in testa alla classifica e nell’ultimo turno, nonostante il rinvio, è rimasto al primo posto per via della sconfitta casalinga dei labronici contro il Cuneo, che sarà probabilmente fatale all’allenatore Andrea Sottil. Nelle prossime ore potrebbe arrivare l’esonero, al suo posto si fanno i nomi di Stellone, Pillon, Carboni e Padalino. Il Lecce invece, nel girone meridionale, dopo aver raccolto un misero punto in due partite (sconfitta interna con la Juve Stabia e pareggio con la Sicula Leonzio) ha saputo riscattarsi battendo il derelitto Akragas ad Agrigento (che, va detto, è praticamente già condannato, ultimo con soli 11 punti). Catania e Trapani inseguono i giallorossi rispettivamente a sette e nove punti di distacco, ma entrambe con una partita in meno rispetto al Lecce. Come abbiamo già scritto invece, è decisamente più complicata la situazione nel girone del Padova, visto che la classifica, con così tanti asterischi, appare indecifrabile. La rivale più “credibile” per la squadra di Bisoli rimane la Reggiana con tre partite in meno in totale (due rispetto ai biancoscudati), ovvero i due riposi già fatti e il match rinviato per maltempo contro il Mestre. Nonostante le problematiche societarie legate all’utilizzo dello stadio (vedi recente sfogo in sala stampa del presidente Mike Piazza), la squadra emiliana è in ottima salute e può contare su un organico di primo livello.
Tre situazioni diverse dunque per Padova, Livorno e Lecce, con un denominatore però in comune: non bisogna dare nulla per scontato, e anche in presenza di ampi margini di vantaggio è bene considerare poco la classifica perché il rischio di un rilassamento, anche a livello psicologico, è sempre dietro l’angolo. Per gli appassionati e gli scommettitori, dunque, tenendo d’occhio le quote dei siti come BettingTop10, ci sarà da divertirsi. Le sorprese sono sempre dietro l’angolo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy