Vigilia Padova-Mestre, Bisoli: “Ci aspetta una partita difficile, ma dobbiamo scendere in campo consapevoli della nostra forza”

Vigilia Padova-Mestre, Bisoli: “Ci aspetta una partita difficile, ma dobbiamo scendere in campo consapevoli della nostra forza”

di Marco Lorenzin

Ecco le parole di Bisoli alla vigilia di Padova-Mestre, che si giocherà domani allo Stadio Euganeo con calcio d’inizio alle ore 20.30

Il pareggio di Salò ha lasciato qualche strascico nella squadra, e oggi durante l’allenamento dovremo valutare le condizioni di alcuni dei nostri. Domenica abbiamo fatto un’ottima partita contro una squadra costruita per vincere, ora arriva un derby e dobbiamo cercare di vincere per proseguire questa scalata che finirà il 2 maggio. Contro la Feralpi abbiamo fatto una bella partita, nonostante le condizione difficili del campo; una partita molto piacevole tra due ottime squadre. Magari alla fine meritavamo qualcosa di più noi, la fortuna non è stata dalla nostra parte, ma per dire contro la Sambenedettese non meritavamo pienamente di vincere, quindi a fine anno tutto si compensa. L’importante è continuare a giocare come abbiamo fatto a Salò. Domani ci aspetta una partita difficile, loro vengono qui con entusiasmo, e quindi andranno in campo cercando di fare risultato. Noi avremo alcuni giocatori non in perfette condizioni fisiche; Candido non è neanche convocato, non riesce a camminare per un problema avuto nella partita di domenica. Pulzetti mi ha chiesto il cambio, come anche Guidone, entrambi per dei piccoli problemi fisici. Oltre a ciò noi contro la Feralpi Salò abbiamo fatto una partita molto dispendiosa a livello fisico, per colpa del campo pesante, spero col lavoro fatto in questi giorni di recuperare le energie. Non dobbiamo però prendere questi piccoli problemini che abbiamo come alibi, abbiamo una rosa che può sopperire a queste assenze; chiaro che dispiace perchè dare continuità al lavoro è importante. Loro vengono da cinque risultati utili consecutivi, hanno un gioco molto propositivo e hanno giocatori di qualità. Sodinha, per dirne uno, un giocatore secondo me unico in LegaPro, o Neto Pereira che conoscete tutti molto bene. In più hanno altri giocatori importanti, come Perna o Beccaro. Hanno le loro armi, e dovremo stare attenti perchè possono fare male. Adesso giocare contro di noi è come giocare contro la Juve in Serie A, tutti ci vogliono battere; quando vinci diventi antipatico, siamo consci di ciò, ma rimaniamo molto umili anche se dobbiamo scendere in campo consapevoli della nostra forza”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy