Padova-ArziChiampo, Amirante-Trinchieri: la sfida nella sfida

Padova-ArziChiampo, Amirante-Trinchieri: la sfida nella sfida

L’uno contro l’altro: per la classifica marcatori, per dare una mano alle loro squadre, per continuare prima di tutto a stupire. Padova-Arzignano sarà la sfida dei bomber, la sfida tra due delle “stelle” più in vista di tutta la serie D. Se le cose fossero andate come in viale Rocco si auguravano lo scorso dicembre, domani all’Euganeo in campo ci sarebbe stato solo uno dei due. Invece il dio del pallone li ha voluti legare entrambi al Biancoscudo: l’uno – quello che doveva diventare biancoscudato – scenderà in campo con la maglia avversaria, l’altro – quello giunto all’ultimo momento e persino un po’ in sordina – la casacca del Padova se la sta tatuando addosso, quasi fino a “oscurare” la stella di Gustavo Ferretti. I due tenori. Martin Trinchieri e Salvatore Amirante si troveranno faccia a faccia in questa gara di ritorno. Trent’anni entrambi, 30 gol in due: 16 l’argentino, 14 il bomber genovese. E la classica altalena del calciomercato a colorarne in modo diversi i destini. Trinchieri, capocannoniere del girone C, a dicembre poteva diventare il nuovo bomber del Padova: il diesse De Poli lo voleva con insistenza, ma l’Arzignano si mise di traverso e non lo lasciò partire. Solo allora spuntò il nome di un giocatore che qui nessuno conosceva, un attaccante impegnato nella serie D ligure, dove stava ben figurando con la Lavagnese, ma senza strafare. Amirante arrivò quasi in punta di piedi, con le sue dichiarazioni mai sopra le righe: pronti via, doppietta al Ripa e giù applausi. Da allora di gol ne ha realizzati ben otto – ma con i 6 messi a segno in Liguria in stagione ha già raggiunto i 14 – e domani è pronto ad allungare e raggiungere, se non addirittura superare, lo score del “Rulo” Ferretti, fermo a 9 e ancora ai box. Quello che pochi mesi fa sarebbe stato visto come un reato di lesa maestà, oggi sta diventando l’ennesimo motivo d’orgoglio in una stagione magica. Osservati speciali. Saranno loro due, c’è da scommetterci, i principali protagonisti di una sfida tutta da vivere. Per i difensori del Padova, invece, quella di domani sarà una nuova prova del nove in un mese ad alto rischio: una settimana fa Corbanese del Belluno, domani Trinchieri dell’Arzignano, domenica prossima l’ex termale Rocco, punta di diamante di una Triestina rinata. Se la retroguardia di Parlato riuscirà a passare indenne anche gli ultimi due ostacoli, la strada sarà in discesa. La squadra. Appuntamento fissato per questa mattina alle 10 all’Appiani: i biancoscudati sosterranno la rifinitura agli ordini del tecnico napoletano dopo il riposo di cui hanno goduto ieri.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy