Reggina-Padova, le pagelle

Reggina-Padova, le pagelle

Pelizzoli 6,5: Due parate importanti che permettono al Padova di mantenere dritto il timone della gara, più l’indecisione in occasione del gol su calcio piazzato. Talmente ininfluente, che soprassediamo tutti volentieri.

Donati 7: Prestazione senza fronzoli del terzino destro solitario (nel senso che è l’unico presente in rosa), che forse meriterebbe più considerazione. Ha davvero senso cercare un altro nome importante quando a presidiare la fascia c’è uno come lui?

Legati 6,5: Lo avevamo annunciato titolare, e Dal Canto ha confermato le nostre sensazioni: nonostante le recenti prestazioni poco brillanti rieccolo dal primo minuto. Sicuro e ben piazzato, gli attaccanti della Reggina non passano.

Trevisan 6: Sufficiente anche se più di una volta risulta in ritardo. Nonostante da quando ci sia Foschi sia perenemmente sul mercato, quando viene chiamato in causa risponde presente. Gli va dato atto.

Renzetti 7: Assist perfetto per Ruopolo, come solo lui sa pennellare. Ma buona prova anche in fase difensiva.

Jidayi 7: Viene chiamato in causa per via della numerose assenze, Willy fa di tutto per dimostrare di essere ancora da Padova e ci riesce con una prova davvero convincente fatta di corsa e aggressività.

Marcolini 6,5: Fa il regista, in sostituzione di Italiano e Milanetto senza farli rimpiangere. Oltretutto dai suoi piedi parte il corner del gol di Cuffa.

Cuffa 6,5: L’argentino ha un cuore enorme perchè nelle situazioni di emergenza dà sempre il massimo. Oggi fa pure gol, dandosi anima e corpo per la squadra fino all’esaurimento e… al cambio con Osuji.

(Osuji) s.v.

Drame 6,5: Parte bene, con brio e dinamismo perfora la difesa reggina muovendosi bene su tutto il fronte d’attacco. Rimedia un’ammonizione ingenua e cala un po’ con il passare del tempo. Ma convince, ed è quello che conta dopo un lungo periodo di meditazione (tra panchina e tribuna).

(Lazarevic) 6,5: Ha il merito di servire Ruopolo per il 3-1

Ruopolo 8: Sembrava che le voci sul calcioscommesse, la mancanza di gol, e ciliegina sulla torta, le dichiarazioni di Cestaro, lo avessero affossato. Invece Ciccio risponde sul campo con una prestazione straordinaria. Da quasi cadavere ad eroe della serata: complimenti davvero.

Hallenius 7: Dal Canto lo schiera titolare nel tridente, esterno con licenza di saltare l’uomo. Lo svedese carbura nel secondo tempo risultando nel finale devastante, efficace nel dribbling, cerca la porta con rabbia: al primo tentativo spara alto, al secondo fa centro. Speriamo il primo di una lunga serie, con la maglia biancoscudata.

Cutolo s.v. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy