Giro d’Italia, venerdì tappa a Monselice. Ma gli organizzatori avvertono: “Guardatela in tv”

di Redazione PadovaSport.TV

Il Giro arriva nel padovano

Il Giro d’Italia approda in Veneto, terra di tradizione e culto per i fedeli praticanti del pedale: si comincia venerdì con il passaggio sui Colli Euganei e l’arrivo a Monselice, mentre sabato è il gran giorno della cronometro del Prosecco, da Conegliano a Valdobbiadene, tra le colline Patrimonio dell’Unesco e i filari del Prosecco Superiore Docg: tappa attesissima, già battezzata «Wine Stage», ovvero la tappa del vino. Due giorni in «bolla», termine cui abbiamo ormai fatto l’abitudine di questi tempi grami: «Bolla in partenza e bolla in arrivo nel rigido rispetto del protocollo – spiega Andrea Vidotti, coordinatore di tappa della cronometro di sabato, intervistato dal Corriere Veneto –. Un tampone ogni tre giorni, controlli agli addetti; prima di tutto, l’organizzazione di Rcs tiene alla salute dei corridori». Sabato, non potranno essere più di mille le persone lungo il percorso di 34 chilometri; il punto di maggior attrazione è posto sul Muro di Ca’ del Poggio dopo appena 7 chilometri (punta massima al 19%), tra mascherine e distanziamenti; zone rosse previste in partenza e arrivo, onde evitare qualsiasi rischio di assembramento. C’è però un’avvertenza (sfoglia le schede per continuare a leggere)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy