Il Cus Padova Antenore Energia si rimette in moto: sfilata degli atleti di Via Corrado

di Redazione PadovaSport.TV

Sono circa mille gli atleti che vestiranno la maglia del Cus Padova nella stagione che sta per ripartire, frequentando gli impianti universitari di via Corrado e di via Giordano Bruno. Molti di loro mercoledì sera erano presenti in campo, negli impianti “Luciano Merigliano”, per l’evento che ha segnato la vera ripartenza dello sport agonistico della polisportiva universitaria. Gli atleti dei 15 sport (atletica leggera, basket, basket in carrozzina, calcio a 5, hockey prato, judo, lotta grecoromana, rugby, scherma, sci, tennis, tennistavolo, triathlon, ultimate frisbee e volley) che si praticano all’interno del Centro Universitario sono stati chiamati a sfilare sul palco, allestito all’aperto, e a salutare la nuova stagione, in un appuntamento dalla forte valenza simbolica.

Alcuni atleti del Cus Padova

«Oggi torniamo a respirare “aria pulita” dopo i mesi difficili che ci siamo lasciati alle spalle. E lo facciamo ripartendo da qui, da quella che vogliamo diventi sempre più la casa dello sport dell’Università e di Padova tutta. In accordo col Comune speriamo di arrivare all’ampliamento degli impianti, progetto a cui proprio assieme all’Università stiamo lavorando da anni», ha sottolineato Francesco Uguagliati, Presidente del Cus Padova, affiancato da Antonio Paoli, Delegato per sport e benessere del Bo, e dal Consigliere nazionale Cusi Massimo Zanotto. E sul palco è toccato all’Assessore allo sport Diego Bonavina raccogliere la riflessione di Uguagliati: «È bellissimo essere qui, perché una location più bella per fare sport non esiste. Ci sono difficoltà nell’ampliamento, perché coinvolge aree di proprietà di enti e istituzioni, e questo rallenta le cose, ma la volontà di proseguire c’è tutta, per cui sono sicuro che raggiungeremo l’obiettivo».

È stata anche l’occasione per presentare alla città la nuova partnership tra il Cus Padova e Conad. Il gestore degli store di Padova Rinaldo Pigoli sottolinea: «Il radicamento nelle comunità dove operiamo a livello commerciale e viviamo a livello sociale fa storicamente parte del tratto distintivo di Conad. Grazie alle relazioni con le Amministrazioni Pubbliche sosteniamo iniziative solidali, di promozione della salute in collaborazione con onlus e terzo settore, devoluzione di generi alimentari e di prima necessità. Anche il sostegno allo sport, in particolare quello giovanile, è da sempre tra le nostre priorità e la presenza a fianco del Cus Padova ne è la dimostrazione tangibile. La pandemia ci ha visti impegnati nel garantire servizi, scaffali riforniti, nel rispetto di tutte le condizioni di sicurezza per i clienti e per i nostri operatori, ma non ci ha distolti dall’impegno per quelle realtà che come il Cus costituiscono da sempre un fiore all’occhiello per le prestazioni sportive ma soprattutto per quel senso di aggregazione attorno a valori positivi per gli studenti, le famiglie, il tessuto connettivo di Padova e del suo territorio. È in questo spirito che va letto il nostro investimento e il nostro sostegno».

Ma l’incontro è servito anche consolidare il rapporto ormai pluriennale con Antenore Energia, rappresentata dal Ceo Filippo Agostini: «È stato un anno difficile, non serve dire perché. Ma noi di Antenore Energia siamo sempre andati avanti, senza mai interrompere l’attività, grazie all’impegno di tutti i nostri dipendenti e collaboratori e anche grazie ai circa 80 mila clienti sparsi nel territorio nazionale. Se oggi siamo qui a sancire il rinnovo della sponsorizzazione al Cus Padova è merito di tutti loro».

Al termine, la rinnovata Club house della polisportiva ha offerto un pasta party e panini con la porchetta per tutti coloro che hanno voluto brindare alla nuova stagione, per quello che è stato anche, se non soprattutto, un momento di festa.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy