pallanuoto femminile

EuroLeague pallanuoto, salta Plebiscito-Dynamo: le russe sono vaccinate con Sputnik

Alessia Grigolon (pallanuoto)

Il vaccino delle atlete ospiti non è riconosciuto in Europa: bloccate alla frontiera italiana

Redazione PadovaSport.TV

Ha assunto i contorni di un vero e proprio giallo internazionale il quarto di finale di Eurolega di pallanuoto fra Antenore Energia Plebiscito Padova e Dynamo Uralochka, che sarebbe dovuta andare in scena domani. La squadra russa è stata bloccata alla frontiera italiana dalla nuova normativa Covid legata al green pass. Il gruppo squadra della Dynamo, infatti, risulta immunizzato con Sputnik, vaccino contro il Covid non riconosciuto da Ema e Aifa. L’Uralochka aveva aggirato il primo ostacolo con l’appoggio della Len, la federazione internazionale, prenotando un pernottamento al di fuori del suolo italiano, in Slovenia: «Il problema però è rimasto – spiega coach Stefano Posterivo – perché se si fossero presentate in vasca non avrebbero potuto giocare, perdendo così a tavolino. La Dynamo potrebbe scendere in vasca in tanti stati europei, ma non in Italia. Abbiamo cercato una soluzione condivisa, ossia disputare le due partite a Fiume, in Croazia, ma nemmeno questo è stato accettato dalle russe. A questo punto è stata fatta pressione sulla Len e così la partita è stata rinviata. Ma c’è un problema, perché il visto d’ingresso nell’Unione Europea della Dynamo scade il 22 febbraio, quindi bisogna per forza di cose giocare entro quella data. Altrimenti perderebbero la partita a tavolino. L’ultima ipotesi, attorno a cui stiamo ragionando, è quella di giocare a Mosca entrambe le sfide. Vedremo nei prossimi giorni cosa accadrà».

Dal Corriere Veneto

tutte le notizie di