calcio a 5

Syn-Bios Petrarca fuori dai playoff, passa (ancora una volta) la Feldi Eboli

Syn-Bios Petrarca fuori dai playoff, passa (ancora una volta) la Feldi Eboli - immagine 1

Padovani eliminati, come l'anno scorso fuori ai quarti di finale. È costata cara soprattutto la pessima partita di andata

Redazione PadovaSport.TV

SYN-BIOS PETRARCA-FELDI EBOLI 4-6 (1-5 p.t.)

SYN-BIOS PETRARCA: Bastini, Rafinha, Parrel, V. Mello, Jefferson, Romano, F. De Luca, F. Mello, Marchese, Kakà, Juchno, Guga, Fiuza, Alves. All. Giampaolo

FELDI EBOLI: Dal Cin, Trentin, Calderolli, Schiochet, Selucio, Romano, Vavà, Caponigro, Pesk, Bissoni, Fantecele, Luizinho, Melillo, Glielmi. All. Samperi

MARCATORI: 7'08'' p.t. Bissoni (F), 11'32'' Trentin (F), 14'29'' Trentin (F), 17'01'' Rafinha (P), 17'46'' Bissoni (F), 18'02'' Pesk (F), 1'33'' s.t. Luizinho (F), 2'51'' V. Mello (P), 8'30'' Jefferson (P), 17'37'' F. Mello (P)

AMMONITI: Dal Cin (F), Vavà (F), Parrel (P), Guga (P), Jefferson (P), Rafinha (P)

ARBITRI: Dario Di Nicola (Pescara), Vincenzo Sgueglia (Civitavecchia), Giulio Colombin (Bassano del Grappa) CRONO: Fabio Pozzobon (Treviso)

Gara 2 dei quarti di finale playoff è una tappa cruciale per il Syn-Bios Petrarca di mister Giampaolo, dopo il titolo di campioni d’inverno, la semifinale di coppa Italia e il terzo posto assoluto in campionato, serve però un’impresa tra le mura amiche dopo l’8-4 dell’andata ad Eboli. La Feldi di mister Samperi d’altro canto ha a disposizione due risultati e mezzo su tre, con i padroni di casa che non possono fare altro che vincere con almeno 4 reti di scarto per tentare l’all-in alla semifinale scudetto.

Alla palestra Gozzano il club patavino si gioca tutta la stagione in 40 minuti. L’avvio di gara è a ritmi altissimi, con il Petrarca che si sbilancia inevitabilmente alla ricerca di gol importanti lasciando però parzialmente scoperto il proprio fronte difensivo.

Il Syn-Bios conduce e la Feldi aspetta cercando di cogliere ogni possibile spazio in ripartenza. Il primo squillo è petrarchino con Parrel che lanciato a rete dopo un recupero palla in fase offensiva viene steso da Calderolli, sugli sviluppi dello stesso calcio piazzato proprio il 13 dei padroni di casa viene murato solo dalla traversa dopo la deviazione di un avversario in area di rigore. La doppia parata di Dalcin su Kakà nei minuti seguenti testimonia come il portiere dei campani sia uno dei tasselli più pregiati del roster di Samperi. Ad animare la prima frazione di gioco ci pensa anche uno dei grandi protagonisti del match d’andata, Fabricio Calderolli che con un diagonale trova solo il palo alla destra di Bastini.

A gelare la palestra Gozzano ci pensa Thiago Bissoni, il 13 campano capitalizza al meglio una conclusione da posizione estremamente defilata colpendo sotto al sette l’estremo difensore dei veneti. La risposta del Petrarca è immediata con Giampaolo che inserisce ad 8 minuti dalla sirena della prima frazione Jefferson come portiere di movimento. Sul campo però a trarne maggior profitto è la Feldi Eboli che trafigge di nuovo la difesa del Syn-Bios con la triangolazione guidata da Calderolli e Trentin con quest’ultimo che può depositare facilmente la sfera infondo al sacco a porta sguarnita. 4 minuti più tardi con Fellipe Mello portiere di movimento i padroni di casa perdono un pallone sanguinoso in fase d’impostazione con Rafinha che lascia involontariamente la sfera a Trentin che calcia di prima intenzione trovando la via del gol dello 0-3 e la seconda marcatura personale della gara.

Le speranze di rimonta venete passano dai piedi di Rafinha che si fa perdonare l’errore precedente capitalizzando al meglio l’assistenza di Jefferson per l’1-3 patavino. Neanche il tempo di esultare per gli uomini di Giampaolo che la Feldi cala il poker con un tiro potente di Bissoni e un errore di Kakà in fase d’impostazione spiana la strada a Pesk che tutto solo può insaccare l’1-5 ospite. Terminano così i primi 20 minuti di gioco con il Petrarca ad un passo dall’eliminazione.

La ripresa si apre con una punizione dal limite a favore del Petrarca che Dalcin disinnesca in corner. I primi minuti del secondo tempo regalano la gioia del gol a Luizinho che appesantisce ulteriormente il parziale su una palla persa dall’asse Kakà-Jefferson. La carta Rafinha portiere di movimento consente il gol dal 2-6 a capitan Mello che da due passi trafigge Dalcin. La tensione aumenta e falli e cartellini diventano inevitabilmente i padroni del corpo centrale del secondo tempo almeno fino al lampo di Jefferson che buca Dalcin riportando i suoi a -3. Dagli alti ritmi del primo tempo si passa ad un’andatura molto più frammentata con il gioco interamente riversato nella metà campo campana e il forcing offensivo del Petrarca che regala ancora una rete ai ragazzi in maglia nera con il tiro preciso di Fellipe Mello. Poco prima della rete del 7 petrarchino però c’è tempo per il sesto fallo del Syn-Bios che manda Trentin a tu per tu con Bastini con il portiere che non si lascia ipnotizzare e sventa l’opportunità.

Finisce così 4-6 per la Feldi Eboli gara 2 dei quarti di finale con i veneti eliminati dalla corsa al titolo dopo una stagione di altissimo livello. Per gli ospiti invece il cammino proseguirà con la semifinale.

tutte le notizie di