Campodarsego, contro la Clodiense è un altro big match al vertice. Pasquato è pronto al debutto

Campodarsego, contro la Clodiense è un altro big match al vertice. Pasquato è pronto al debutto

di Gianmarco Zandonà

Reduce da due vittorie consecutive contro formazioni di prima fascia come Cjarlins e Luparense, e da cinque successi nelle ultime sei gare, il Campodarsego domani alle 15.00 anticipa l’impegno della decima giornata con una trasferta che profuma ancora una volta d’altissima classifica. La sfida con la Clodiense si gioca sabato al “Ballarin”, con 24 ore di anticipo visto l’arrivo, mercoledì, di un altro turno infrasettimanale. Una partita importante e che i biancorossi cercheranno in tutti i modi di sfruttare per allungare ulteriormente il loro momento positivo. Ecco le dichiarazioni di mister Antonio Andreucci alla vigilia della sfida.

Sul momento della squadra: “Il gruppo sta crescendo, anche sul piano del gioco, per cui, in un momento in cui siamo in grande fiducia, dobbiamo essere bravi ad alimentarla. Ogni settimana, con gli allenamenti, ma poi soprattutto con la partita, perché già domani andiamo ad affrontare un avversario difficile, su un campo importante e di fronte ad una tifoseria ritrovata. Io ho allenato a Chioggia, so cosa significa e mi fa davvero piacere questo riavvicinamento tra la piazza e la squadra: il pubblico è un valore aggiunto, il calcio a Chioggia è sempre stato molto sentito, riavere i tifosi al Ballarin è senz’altro positivo per la squadra, ma anche per tutto un ambiente e una città che sono sempre stati molto legati all’Union”.
Sulla partita di domani: “Sarà una gara intensa, la Clodiense viene da un risultato negativo nel derby con l’Adriese, ma direi che abbia comunque giocato una buona gara. Noi chiaramente scendiamo sempre in campo con l’obiettivo raccogliere il massimo, è uno scontro diretto d’alta classifica e per questo sarà una partita tutta da vivere, che si potrebbe anche decidere sugli episodi”.
Sull’avversario: “La Clodiense non è solo Marangon. Ci sono giocatori veramente interessanti in tanti reparti, dei giovani molto importanti, sono davvero una squadra ricca di talento e di giocatori che possono fare la differenza, compresa una difesa di grande esperienza”.
Sulla squadra: “Arriviamo da una settimana più corta, abbiamo dovuto recuperare in poco tempo gli sforzi di una partita molto impegnativa come quella di domenica scorsa. Negli ultimi allenamenti ho comunque rivisto la consueta brillantezza dai ragazzi, e lo spirito deve essere per forza positivo. Vincere fa bene, c’è entusiasmo e voglia di proporsi, il gruppo è unito e ora, che arrivano tre partite in una settimana, bisogna che tutti siano pronti e a disposizione, ci sarà bisogno di tutti”.
Sull’arrivo di Pasquato: “Cristian è con noi praticamente dall’inizio, e sono molto contento che sia rimasto perché è un giocatore che sarà molto importante per noi. Direi che è già pronto per giocare, essendosi sempre allenato, ma dovrà ovviamente ritrovare il ritmo partita. La brutta notizia, per noi, è arrivata martedì: D’Appolonia si è fatto male al menisco di allenamento, e non lo avremo per circa un mese. Un vero peccato, Davide è un giocatore molto importante per noi perché è sempre in grado di fare la differenza: lo aspettiamo a braccia aperte”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy