Serie D, Campodarsego: le tappe di un incubo. I Gabbiani tornano in campo

di Lorenzo Aluigi

Era il 22 novembre 2020 quando il Campodarsego scendeva in campo per recuperare l’ottava giornata del girone C. L’1-1 di Cartigliano sanciva l’inizio di un incubo extra campo per i ragazzi di Ballarin (in foto), oppressi dal Covid. Sono state due le ondate che hanno colpito i Gabbiani, come dichiarato dal diesse Andrea Maniero: una che ha coinvolto tutti i giovani, mentre la seconda non ha lasciato scampo agli altri 13/14 elementi. Sei gare rinviate senza possibilità di far qualcosa, tutti inermi di fronte ad un nemico infimo ed invisibile. In ordine sono state Virtus Bolzano, Chions, Arzignano, Delta Porto Tolle, Cjarlins Muzane ed Este, oggi finalmente i biancorossi possono di nuovo contare sulla totalità del gruppo squadra, a circa due mesi di distanza dall’ultimo impegno ufficiale. Maniero, intervenuto dieci giorni fa alla trasmissione Speciale Dilettanti, sperava di poter disputare il derby con l’Este dello scorso turno, anche con pochi elementi in panchina. Niente da fare però, il Campo si è dovuto arrendere ancora, ma è stata l’ultima volta: l’entusiasmo nel tornare a giocare saprà certamente nascondere una condizione, per forza di cose, lontana dalla perfezione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy